COSA FARE QUANDO PER MOTIVI DI PRIVACY NON POSSIAMO FAR BRUCIARE LE CANDELE DI UN DETERMINATO RITO IN UN’UNICA SESSIONE DI TEMPO.


http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:Iq-zP-NPiSn69M:http://img708.imageshack.us/img708/9320/candela.jpg&t=1

Molte di voi mi hanno chiesto varie info per quanto concerne le candele e
le novene. Alcune mi facevano presente che per varie ragioni veniva
loro impossibile bruciare la candela in un’unica sezione di tempo.
Purtroppo in ogni tipo di lavoro magico la privacy è uno degli elementi
fondamentali. Quando si opera e abbiamo ficcanaso intorno c’è sempre il
rischio che il rituale possa non andare a buon fine. Giustamente chi
vive in casa con altre persone che possono essere figli, mariti, mogli,
genitori o coinquilini/e si trova a disagio e magari deve rinunciare ad
operare per paura di essere scoperto.
Perciò rovistando qua e la ho scoperto che per quanto concerne gli
incantesimi che richiedono di far consumare tutta la candela (esempio:
novene o magie con le candele di ogni tipo) queste si possono far
bruciare in sezioni. Ma cosa significa??? adesso vi spiego meglio. La
candela quando si fa un incantesimo in teoria dovrebbe consumarsi tutta e
quindi spegnersi da se. In questo caso a noi non è possibile perchè non
siamo soli in casa tutto il giorno allora che si fa? Si accende la
candela e la si la lascia consumare per almeno 15 minuti ( non di meno)
dopo di che, finito questo tempo andremo a spegnerla utilizzandole
nostre dita ( pollice ed indice) avendo cura di bagnarli con acqua o con
saliva … come preferite. L’importante è che non ci soffiate sopra.
Uno spegni moccolo va bene lo stesso. Questo perchè??? se noi andassimo a
soffiare sopra la candela spezzeremo l’incantesimo al contrario invece
se noi andremo a spegnere la candela con le dita, il nostro lavoro è
ancora attivo e quindi lo possiamo riprendere in qualsiasi momento.
In ogni caso si consiglia di avvolgere la candela in carta marrone (
quella grezza in cui il fruttivendolo mette la frutta in quanto pura)
in questo modo non si disperderanno le energie.

Buon lavoro!!! Princess

RITUALE CON LA POLVERE DI ALOE.


https://i1.wp.com/www.plantoftheweek.org/image/aloe.jpg
(Aloe)

QUESTO RITO
LO PUBBLICO SOLO A SCOPO CONOSCITIVO E SERVE AFFINCHE’ LE PERSONE
PETTEGOLE E MALIGNE SMETTANO DI PARLARE MALE DI QUALCUNO.

Sappiamo
tutti che l’aloe è una pianta molto utile, quando è fresca essa con il
suo succo lenisce le ustioni mentre se viene essicata e conseguentemente
ridotta in polvere ha un potere astringente.

Ma ciò di cui parliamo noi oggi è un altro uso cioè quello magico.
Questa magia non credo sia possibile effettuarla ma è in ogni caso
molto curiosa da leggere, e quindi io la pubblico come ho già più volte
detto per altri riti solo a scopo conoscitivo e di studio.

Per fare in modo che le persone cattive smettano di parlar male di
voi ingiustamente o di qualcuno che vi sta a cuoredovete procedere in
questo modo:

Dovete recarvi in un cimitero la sera portando con voi una candela
di colore nero, un foglio bianco, una bottiglia di vetro e delle erbe
che vi elencherò dopo.

https://i1.wp.com/www.uni-graz.at/~katzer/pictures/feru_18.jpg
(ferula assa foetida o sterco del diavolo)

Questo rituale si svolge in una notte di luna calante. Prendete il
foglio e scrivete il nome della persona che parla male di voi per ben
tre volte. Successivamente bruciate il foglio sulla fiamma della candela
nera che avrete precedentemente acceso. Il foglio si ridurrà in cenere e
questa cenere la dovrete deporre all’interno della bottiglia di vetro
con la polvere di aloe, sterco del diavolo ( questa è una
piantaoriginaria della Persia più precisamente si trova in Iran. In
italiano prende il nome di Assafetida o Assa fetida. Cruda ha un odore
fetido ma se cotta ha lo stesso profumo dell’aglio. La resina si ottiene
dalla radice della pianta e questa viene utilizzata nella cucina
indiana), pepe rosso in polvere, allume ( alluminio+potassio) e aceto.
Messi tutti questi ingredienti dentro la bottiglia la dovrete sigillare
con la cera della candela nera. Prendete la bottiglia fra le vostre mani
e iniziate a scuoterla recitando il Salmo 31 ma non per intero solo il
punto 17 e 18. Alla fine si dovrà seppellire la bottiglia in una tomba.

Ecco la parte del salmo che dovrete recitare:

<< Signore, che io non debba vergognarmi

per averti invocato;

si vergognino i malvagi,

siano ridotti al silenzio negli inferi.



Tacciano le labbra bugiarde,

che dicono insolenze contro il giusto

con orgoglio e disprezzo >>.

SEPPELLIRE L’ASCIA DI GUERRA( rituale adatto a porre fine una lite fra amici o in famiglia)..


peace

 

Scegliete un alberello a vostro piacimento o che comunque abbia un senso
con la situazione ( esempio l’ulivo è l’albero che simboleggia la pace)
e ricordate che lo dovrete piantare.

Procuratevi dei nastri che rappresenteranno ciascuna persona coinvolta
nella lite. E’ bene che vi procuriate anche dei testimoni come foto o
indumenti o ciocche di capelli.

Adesso recatevi nel luoogo dove avrete intenzione si piantare la pianta e
portate con voi una vecchia accetta che poi seppellirete.

Ora scavate una fossa che sia profonda almeno 70 cm e larga in tanto
giusto affinchè l’accetta possa essere posta orizzontalmente senza
essere curvata per starci per forza.

Questo rituale lo potrete svolgere in solitudine o in compagnia delle persone con cui avrete avuto la lite.

Se però i rapporti sono molto tesi giustamente non è il caso di fare questo insieme.

Se tutte le persone sono presenti nel fondo della buca metterete le
ciocche di capelli di ciascuno dei presenti, legherete all’ascia un
nastro per ogni litigante e insieme la sorreggerete e nell’atto di
posarla nella buca direte in coro la parola ” mi dispiace” ma deve
essere detta con sincerità e rammarico per ciò che è accaduto, oppure se
volete fare una cosa piu intima potrete esprimere mentalmente ciascuno
un desiderio atto alla circostanza o una preghiera… andrà bene
comunque purchè ci sia sincerità e voglia di ottenere pace. Ricordate
che mentre recitate la parola mi dispiace o dite il desiderio o recitate
mentalmente la preghiera è bene che visualizzate la pace fra di voi..
quindi immaginate che vi abbracciate e che l’armonia torni a regnare.

Fatto ciò ricoprite con la terra e innaffaite la pianta. Ora prendetevi
cura di quell’albero che sarà il talismano o per la famiglia o er la
coppia di amici litigati. Detto ciò se per caso ci dovrebbero essere
incomprensioni potrete recarvi nel luogo in cui è stato piantato
l’alberello sedervi sotto la sua ombra e chiedergli aiuto e protezione
afficnchè non si rovini di nuovo il vostro rapporto. Oppur potrete
scattare delle foto dell’albero e tenerle con voi a mo di talismano.

In genere questo rituale non è il caso di ripeterloperkè è abbastanza
efficace se ripetuto una sola volta. Ma ribadisco che la sincerità e la
voglia di far pace veramente è di base.