L’amuleto della buona sorte


 

 

sirena conchiglia

Tutti noi cerchiamo di far andare al meglio i nostri progetti. Però esistono dei momenti in cui sembra che le cose non vadano tanto bene. Ci fermiamo a riflettere sul perché vada sempre tutto storto, sembra non ci sia mai giustizia, e di conseguenza ci ritroviamo a piangerci addosso come bambini indifesi. La fiducia nelle nostre capacità inizia a vacillare e ci ritroviamo ad aspettare che le cose cambino da sole. Il risultato è, trovarsi in un tunnel senza via di fuga.

Questo è un rituale abbastanza facile, adatto a tutti coloro che hanno bisogno di aumentare la fiducia nelle proprie capacità, ma soprattutto  adatto a tutti coloro che vogliono avere un piccolo gingillino portafortuna che assorba l’energia negativa tramutandola in buona. Questo amuleto, sarà il vostro portafortuna personale. Vi aiuterà a realizzare i vostri sogni, eliminando i vari ostacoli e dandovi la forza per andare avanti più forti che mai.

Potete iniziare questo rituale in luna nuova, luna crescente o piena. Anche se a mio avviso, la miglior lunazione è sicuramente il plenilunio.

Vi serviranno solo due ingredienti, una candela gialla e una conchiglia.

Prendete la candela e accendetela tenendola nella vostra mano dominante. Ripetere queste parole mentre guardate la luna:

“Per favore

dammi la fiducia di cui ho bisogno,

così che io possa essere il migliore.

Ho fallito una volta,

ma adesso io sarò meglio di prima”.

Prendete la conchiglia nelle vostre mani, passatela nella fiamma della candela e dite:

“Possa questo

 essere il mio portafortuna

così che i miei sogni

possano tramutarsi in realtà”.

Adesso baciate la coniglia della buona fortuna e ripassatela un’ultima volta nella fiamma della candela. Dite queste parole:

“Possa il mio portafortuna

aiutarmi in tutto ciò che faccio”

Il rito è finito, lasciate la vostra conchiglia tutta la notte fuori ad attingere la carica lunare avendo cura di toglierla prima che il sole sorga.

Buona fortuna

Princess

 

Amuleto d’amore


 

sacchetto rosso

 

Scegliete un piccolo oggetto che per voi rappresenti l’amore, dovrà essere piccolo il tanto di starci all’interno di una tasca.Procuratevi dell’olio di rosa e un piccolo sacchetto di colore rosso.

Frizionare l’olio di rosa nel vostro oggettivo e visualizzate l’amore, cosa vi aspettate da esso, assaporate tutte le energie, le sensazioni di piacere, complicità, rispetto e felicità. Cercate di trasmettere tutto ciò al vostro amuleto.

Recitate questa formula, almeno ogni due giorni mentre tenete il sacchetto con l’amuleto tra le vostre mani:

 

Con il cuore amorevole della Dea,

Con la Terra, l’aria, il fuoco e il mare,

Per favore, create un amore giusto per me.

Qualcuno da amare con tutta l’anima,

Una volta insieme, saremo una cosa sola.

Donerò il mio amore liberamente,

Io amerò lui/lei completamente.

Per favore Dea,

Porta a me questo amore!

Così voglio, così sarà!

 

Be blessed )O(

Princess

Rito per caricare un amuleto o un gioiello che per voi è molto importante


 

amulet witch

Avete un amuleto o un gioiellino che utilizzate spesso perché ritenete vi porti fortuna o vi aiuti nelle difficoltà?
Bene, questo rituale serve per caricare il vostro amuleto e creare un feeling sempre più forte con voi.

 

Ingredienti:

  • 1 ciotola;
  • Acqua;
  • Sale;
  • Gioiello o amuleto personale.

Lunazione:

  • Crescente;
  • Piena.

Svolgimento:

Prendete una ciotola nuova in cui metterete acqua e sale marino. Non mescolate, la ciotola non deve essere mossa. lasciatela sul tavolo e nel mentre voi andate a fare una doccia calda.
All’interno della doccia visualizzate e meditate sui poteri che possiede il vostro amuleto e mettetelo nel vostro petto. Visualizzate l’oceano che scorre nel vostro sangue e ricopre con la sua salsedine il vostro cuore.
Sempre all’interno della doccia fate cadere alcune gocce di acqua attraverso le vostre dita e dite:

“Con il potere del mare, di Poseidone, Nettuno e il potere che ho dentro di me, io carico questo amuleto e il suo potere è mio.”

Uscite dalla doccia, vestitevi e deponete il vostro amuleto affianco alla ciotola e bagnate le vostre dita. Come avete fatto in doccia fate cadere per tre volte di seguito delle gocce di acqua salata nel vostro amuleto e dite, ogni volta le seguenti parole:

“Così sia”

L’incantesimo è finito, ricordate di fare questo procedimento in un giorno di Luna Crescente o nei giorni del potere che sono i Sabbath.

Siate benedetti
Princess

La scala della Strega


E’ un antico rito di magia rurale.  La prima scala della strega venne trovata on una cittadina chiamata Wellington, Somerset in Inghilterra. Appesa all’interno di una soffitta con delle sedie e delle scope, subito venne definito un lavoro di stragoneria. Si trattava di una corda che aveva delle piume di gallo nero intrecciate. Pare che lo scopo di questo lavoretto era quello di danneggiare i vicini, impedendo alle vacche di produrre del latte.

In termini molto spicci questa è la storia, ma esistono libri interi che raccontano la storia di questa stregoneria e chiunque potrebbe reperirli.

Adesso questo rito viene utilizzato per varie situazioni, a partire dalla protezione fino ad arrivare all’amore. Tutto dipende da come lo assemblate.

Avrete bisogno di tre cordoncini di colori differenti che sceglierete in base a ciò che volete ottenere:

  • verde: denaro
  • rosso: passione
  • bianco: creatività
  • nero per fermare le cattive abitudini o per lavori di magia maligna
  • marrone: per ottenere equilibrio o per risolvere problemi legali
  • giallo: felicità
  • arancione salute
  • blu: pace
  • viola: saggezza

Potete inserire delle piume o perline. Come avrete lettol’originale aveva le piume, ma anche pietre come uarzi o cristalli andranno benissimo. In tutto dovranno essere 9.

 

Ricordo per l’ennesima volta che la cosa più importante è quella di avere bene in testa lo scopo del voro lavoro Dopo di che, avrete tra le mani un potente talismano che potrete appendere in casa o regalare ai vostri amici.

Si inizia intreccianso le tre corde insieme, inserendo di volta in volta i nove elementi che avrete scelto (perline, piume).

 

Quando inserirete ciascun elemento nelle corde direte questo canto:

Con un nodo l’incantesimo ha inizio

Con due nodi, diventa realtà

Con tre nodi, così sia

Con quattro nodi, devo conservare questo potere

Con cinque nodi, l’incantesimo è vivo

Con sei nodi, l’incantesimo è fissato

Con sette nodi, lascio andare gli eventi

Con otto nodi, sarà destino

Con nove nodi, ciò che è fatto è mio.

 

 

 

 

Buon lavoro!

 

 

Amuleto Sardo: Nudeus


Avrete notato che in Saregna gli amuleti non sono costituiti da materiali preziosi e le tecniche sono piuttosto semplici ed elementari.

Le pratiche magiche  che riguardano l’isola, non sono così sofisticate come ad esempio quelle della religione ebraica che trova un senso ad ogni situazione. I riti sono complessi, hanno a che fare con la guarigione e la purificazione dell’anima. In Sardegna questo concetto introspettivo non è mai esistito.

Le pratiche magiche iniziarono a prendere piede con l’introduzione  delle così dette fatture.  Si utilizzavano fantocci in sughero, di pezza, di cera da conficcare con gli spilli. Quando iniziò a spargersi la credenza di questi poteri esoterici, atti a colpire le persone, il popolo ha in qualche modo cercato  una soluzione per proteggersi,  ed è così che gli amuleti hanno avuto un ruolo fondamentale nella cultura Sarda. Appartengono a un tipo di  magia semplice popolare, alla portata di tutti ma che doveva necessariamente essere tramandata di generazione in generazione.

Avevano lo scopo di eliminare qualsiasi tipo di sofferenza che derivasse da cause sconosciute definite sopranaturali. Arricchiti di formule magiche, definite brebbus,  preghiere, il Divino attribuiva alla persona che li indossava la potenza e la protezione necessarie per vivere una vita serena, ricca di prosperità e buona fortuna eliminando  il male che l’affliggeva, come i malefici o le malattie. A questo punto la persona poteva star tranquilla poichè immune da qualsiasi pratica negativa.

 

Nudeus con un lembo di stoffa benedetta incastonato.

Si usava indossarli, appenderli a capo del letto, nelle culle dei neonati oppure si cucivano nelle vesti o venivano deposti sotto il cuscino. Non sono mai di grandi dimensioni, sono semplici e contenuti, ma dalle forme affascinanti atte a catturare l’occhio cattivo ed invidioso.

Dopo tutte queste ulteriori nozioni parliamo del Nudeus.  Il nome si ottiene dalla contrazione popolare del termine Agnus Dei, l’Agnello di Dio, colui che toglie tutti i  peccati del mondo e ridona la pace.

Agnus dei non è altro che la cera del Cero Pasquale che viene benedetto appunto a Pasqua dal Papa. Queste forme di cera che sono solite rappresentare l’agnello che porta la croce o immagini sacre e lo stemma papale, sono riconosciute dalla chiesa che ne regolamenta anche la fabbricazione e il rito:

 

RITO ED USO DELLE CERE SAGRE

VOLGARMENTE CHIAMATE

AGNUS DEI

Agnus Dei 01.jpg Stemma papa it Gregorio XVI.jpg
Antichissimo nella chiesa Romana è il rito di benedirsi, e consagrarsi dai Sommi Pontefici quelle forme di Cera, che Agnus Dei volgarmente si appellano. Nell’ordine Romano, il quale per sentimento degli Eruditi è più antico dell’ottavo secolo, si accenna tal Rito, e nel Ceremoniale della Chiesa di Roma si prescrive la materia, e la forma della mentovata consagrazione, la quale è piena di sagre, e misteriose significazioni.
Formansi gli Agnus Dei di Cera bianca, pura, e vergine per dinotare l’Umana natura assunta da Gesù Cristo per opera sola, e virtù Divina nell’utero purissimo di Maria Vergine senza veruna infezione di colpa. S’imprime in detta Cera la figura di un’Agnello, simbolo di quell’innocentissimo Agnello, che per l’umana riparazione si sagrificò su la Croce. Si fa uso dell’acqua, elemento segnalato da Dio nell’antica, e nella nuova alleanza con molti prodigj e misterj. S’infonde in essa il balsamo, nel qual simboleggiasi il buon’odore di santità che sparger deve il Cristiano nella sua conversazione, e costumi. Vi si aggiunge il Sagro Crisma, solito usarsi nel preparare, e consagrare le cose al Divin Culto con ispecialità destinato, come le Chiese, gli Altari, i Sacerdoti, e viene in esso adombrata la carità, siccome la più eccellente di tutte le altre Virtù. Nell’acqua pertanto prima benedetta, e mescolata col balsamo e Crisma, s’immergono dal Sommo Pontefice gli Agnus Dei; e avanti, e dopo tale immersione lo stesso Pontefice con divote orazioni prega il Signor Iddio, che si degni benedire, santificare e consagrare quelle forme di Cera, e communicar loro tale virtù, che chiunque con vera fede, e divozione le usi, venga ad impetrare le grazie, e beneficj seguenti.
I. Che nel vedere, o toccare l’Agnello in dette Cere scolpito, si ecciti il Fedele a considerare sotto quel simbolo il mistero della nostra Redenzione, e concepisca atti di riconoscenza, e di amore verso Dio per benedirlo, ringraziarlo, e lodarlo, con viva fiducia d’impetrare dalla sua misericordia infinita il perdono de’ commessi peccati.
II. Che all’aspetto dell’adorabile segno di Croce impresso nelle medesime Cere si atterriscano, e mettano in fuga i maligni Spiriti, si dileguino i nembi, si acquietino i venti, cessino i tuoni, siano dissipati i turbini, i folgori, e le tempeste.
III. Che per virtù della Divina benedizione vagliano queste Cere contro tutte le diaboliche frodi insidie, e tentazioni.
IV. Che le Donne incinte portino senza pericolo, e diano felicemente alla luce il loro feto.
V. Che niuna avvenga disavventura a chi divotamente le porta: che niun’aria pestilenziale, e corrotta gli sia nociva, niun morbo caduco lo assalga: che sia preservato dalle tempeste di mare, dalle inondazioni, e dagl’incendj: e niuna malignità possa contro di lui prevalere.
VI. Che sia assistito ne’ prosperi, e ne’ sinistri avvenimenti: che dalle umane e diaboliche malvagità sia custodito, e difeso, da subitanea morte, e da ogn’altro male, o pericolo liberato per i misterj della vita e passione di Gesù Cristo.
I sopraccennati effetti, che s’implorano dal Sommo Pontefice nella benedizione, e consagrazione deli Agnus Dei furono già elegantemente espessi ne’ seguenti versi.

Pellitur hoc signo tentatio Daemonis atri,
Et pietas animo surgit, abitque tepor.
Hoc aconita fugat, subitaeque pericula mortis,
Hoc et ab insidiis vindice tutus eris.
Fulmina ne feriant, ne saeva tonitrua laedant,
Ne mala tempestas obruat, istud habe.

Undarum discrimen idem propulsat, et ignis,
Ullaque ne noceat vis inimica valet.
Hoc facilem partum tribuente, puerpera foetum
Incolumem mundo proferet, atque Deo.
Unde, rogas, uni tam magna potentia signo?
Ex Agni meritis, haud aliunde fluit.

Che codesti mirabili effetti, e beneficj si conseguiscano dai Fedeli per gli Agnus Dei in virtù della loro benedizione, e di quelle preghiere, che in nome della Chiesa far suole il Romano Pontefice, è cosa certa da credersi fermamente, per essere inoltre in varj tempi, e spesse volte manifestamente provata con insigni miracoli operati con dette Cere dalla divina bontà. Che se non sempre le stesse grazie si ottengono, difetto non è della loro efficacia, e virtù, ma vuole attribuirsi a mancanza, o debolezza di fede in chi ne fa uso, o ad altra occulta cagione, per cui a Dio non piace concedere somiglianti grazie, e favori.
tratto da: http://it.wikisource.org/

Nella Cultura Sarda:

E’ un ciondolo che può avere la forma ovale, di croce o  di cuore. E’ un tipo di amuleto differente rispetto a su Coccu. Mentre quest’ultimo è di origine pagana, nel caso del Nudeus, si passa a un amuleto con contenuti cristiani, atti a potenziare la protezione.  Anche in questo caso il materiale primordiale che lo compone è l’argento in alcuni casi anche l’oro.

Questa usanza iniziò a diffondersi poichè i santi venivano considerati validi alleati imbattibili contro il  male. Essi attraverso l’aiuto di Gesù potevano proteggere la persona da ogni tipo di male. Questa era la credenza, infatti venivano indossati e si attribuivano ad essi svariati miracoli. Così le persone iniziarono a ricorrere a questi oggettini per guarire i malati, per far aumentare il raccolto, ma soprattutto per fare in modo che i nemici cadessero ai loro piedi pentiti.

Era un modo per eliminare i peccati, per preservrsi da morte improvvisa e violenta, per evitare gli attacchi del fuoco e quelli del diavolo.

 

Appunto, come ho già scritto erano composti da argento, le persone, al posto di incastonare le pietre incastonavano lembi di stoffa dei paramenti sacri o le forme di cera che non erano sicuramente quelle prese dal cero Pasquale Romano ma dagli altari locali. Considerando che era assai difficile reperire i lembi dei paramenti come la cera del vero Agnus Dei, si incominciò ad incastonare l’incenso plasmato a forma di sfera, i tappi delle ampolle e le immaginette sacre.

Le immagini sacre erano le più famose visto e considerato che erano  facilmente reperibili.  Inizialmente queste immagini venivano dipinte a mano.  Poi venivano incastonati i salmi o altri scritti di natura religiosa. Chi non poteva permettersi  la collana inseriva tutto all’interno dei cuscinetti benedetti ripieni di grano o di petali di rosa.

Venivano rigorosamente portati sul proprio petto.  Il Nudeus veniva spesso indossato dagli assassini pentiti per eliminare l’atroce peccato di avere commesso un omicidio.

 

Spero abbiate trovato l’argomento interessante

Princess

Su kokku o Sabegia ( scritto anche su coccu)


Scrivi a ransie812010@hotmail.it per acquistare il tuo
Kokku personalizzato o semplicemente per chiedere info.
Su Kokku da te richiesto verrà caricato da Princess con
le preghiere Sarde specifiche per la situazione.
Puoi scegliere tra anelli, orecchini, ciondoli e 
bracciali. Hanno tutti la stessa funzione protettiva.

Potrai personalizzare i tuoi gioielli se lo vorrai e
richiedere foto dello svolgimento del lavoro per
valutare se è di tuo gradimento o desideri modifiche.

Volevo spendere due parole per questo amuleto sardo che io stessa porto al polso. E’ un ati-malocchio ed è composto solitamente da ossidiana o onice e argento. C’è anche una versione in corallo rosso che però appartiene alle parti della Gallura. Queste pietre, come ben saprete, sono tutte conduttori anti negatività che hanno lo scopo di neutralizzare sa pigara de ogu  (sguardo carico di invidia). Questo amuleto di solito viene regalato ai bambini appena nati o alle spose, dalla madrina di battesimo o dalla nonna, per cui, la figura che lo dona è solitamente femminile, questa è la tradizione.  La tradizione  vuole anche che l’amuleto venga iniziato con i brebbus, ovvero le preghiere mistico religiose anti-malocchio. I tempi sono cambiati e le trazioni subiscono le influenze dell’evoluzione,  e anche su kokku ha subito i cambiamenti del progresso in vari modi ad esempio se da tradizione veniva regalato da nonne e madrine, oggi anche fidanzati, zii, amici ecc, possono donarlo.A dire il vero, potete regalarlo anche a voi stessi, dato che Onice e Ossidiana sono pietre importanti circa la purificazione e la protezione.

 

Leggi anche: Amuleti Sardi(Su Coccu); Amuleti Sardi Prezzi e info

La funzione de su kokku, come ho già precisato, è quella di tenere lontani gli sguardi carichi di invidia che possono causare brutti sintomi a coloro che ne vengono colpiti. I sintomi sono: mal di testa persistente, nausa, vomiti continui, diarrea, apatia, depressione, senso di pesantezza. Su kokku, in questo caso come agisce? Se una persona lo indossa, sarà completamente protetta e non avvertirà alcun sintomo, l’unica cosa che non possiederà più sarà  l’amuleto dato che, nel momento in cui  uno lo indossa, blocca il malocchio e bloccando questa forte energia negativa si romperà o magari lo perderete perchè si staccherà dal bracciale.

Ultimamente ci sono varie versioni de su kokku, orecchini, bracciali, ciondoli, spille e anelli. Prima, invece, era una spilla molto pregiata incastonata  nella  classica filigrana d’argendo sarda. Quando il bimbo cresceva di solito si prendeva un nastrino verde dove veniva posto il ciondolino e legato al polso.

La mia esperienza  con su kokku è stata abbastanza positiva, ho già perduto due braccialetti, purtroppo, ma il lato positivo è che hanno comunque fatto il loro dovere.

Vi abbraccio

Princess

La scala della Strega per infondere conforto e protezione a una persona che ci sta a cuore o a noi stessi.


https://i2.wp.com/www.lacricri.com/immagini_creazioni/collane%20in%20corda/palline/Pallina%20azzurra%20e%20blu.JPG

 

Questa magia serve, come avrete già letto nel titolo, per dare conforto e protezione ad una persona che non sta bene per varie ragioni come ad esempio depressione, una malattia, un periodo negativo ecc ecc.

Dovrete procurarvi una corda di colore blu ( in alternativa va bene anche una fettuccia o un nastro di raso) e 7 simboli protettivi da voi scelti in base alla situazione. Questi simboli dovranno essere annodati nel nastro o nella corda in modo tale che pendano.

Per esempio:

le piume di colore grigio proteggono durante il sonno.

L’aglio è ottimo sia per la guarigione che per la protezione.

I rametti di erbe curative andranno benissimo se annodatinella corda per dare sollievo a una persona che soffre di qualche  male particolare.

Vanno benissimo i talismani, oggettini come corna, ferri di cavallo, quarzi e sacchetti che contengano erbe propiziatorie o curative per la situazione…

Vi consiglio di mettere 7 simboli che  incutano nella persona  protezione, guarigione e conforto. In questo modo il lavoro sarà completo.

Scelti gli oggettini, le erbe,  i sacchettini  o altri rimedi adatti, annodateli alla corda ed infine caricateli affinchè infondano alla persona o a voi stessi tutti gli influssi positivi possibili.

Consiglio la notte di Yule per caricarli.

Buona  fortuna!!

 

PENTACOLO UNIVERSALE O CLAVICOLA DI SALOMONE.


https://i1.wp.com/www.magiko.biz/wp-content/uploads/wpsc/product_images/talismano_clavicola_salomone.jpg

 

Viene chiamato  anche il gran talismano dominatore. Questa è la vera chiave che apre tutte le porte  del mondo occulto a coloro che per dilegenza  e fede saranno destinati ad acquisire la sapienza. Non è un dono che viene concesso a tutti sia chiaro.

La chiave o clavicola viene utilizzata anche nei patti che si stipulano con le entità che possono essere spiriti celesti o infernali. Atraverso l’aiuto di questo talismano se invocate gli spiriti essi saranno costretti a presentarsi  a voi.

Viene posto al primo posto  come il più importante tra tutti i talismani.

Questo talismano venne utilizzato dal Grandissimo Salomone che se ne servì  per costringere gli spiriti ad obbedirlo. Non a caso gli spiriti sia infernali, che celesti erano abbastanza umili e servizievoli nei suoi confronti.

Questo pentacolo o chiave può essere costruito manualmente e deve contenere i seguenti metalli: oro, ottone e bronzo e si fabbrica di Domenica mattina all’alba. Logicamente  viene venduto anche nei negozi esoterici ma non so a quali prezzi e fabbricarlo non è impresa facile.

In ogni caso sappiate che se lo acquisterete  dovrete fabbricare una borsina di seta color rosa carne per inserirlo al suo interno. All’interno di questa borsina ci deve essere un pezzo di  pietra calamita.

Quindi, il primo giorno che lo indosserete sarà di Domenica scegliendo la prima ora del levar del sole, mentre aggiungete all’interno della borsa la pietra calamita direte  queste parole:

 

<< Nel nome tre volte santo e onnipotente del Supremo Fattore di tutte le cose, nel nome del Figlio e dello Spirito Santo, uno e trino, per la grazia concessa agli angeli della luce, per quella grazia che mi fece creandomi a sua immagine e somiglianza; per la possanza conferita ai sette pianeti: Sole, Luna, Marte , Mercurio, Giove, Venere, Saturno, di regnare, influire e dominare su tutto quanto è nel cielo, sulla terra, nelle acque; per le sacre parole racchiuse in questo talismano dominatore; nel nome degli spiriti buoni. Adonay, Elochais, Almanab, ai quali chiedo protezione a fine di acquistare, mercè tua, l’assoluto dominio delle creature, degli spiriti, degli elementi>>.

https://i2.wp.com/www.mysteriashop.com/SiteData/ProductImages/689e88ef7d/c7c20149f4.jpg

Adesso prendete la vostra clavicola ed inseritela all’interno della borsa e profumatela con polvere di incenso puro e mirra.

Ogni Domenica al sorgere del sole metterete all’interno della borsina della polvere di acciaio che servirà per alimentare il talismano e poi 7 chicchi di grano come offerta ai 7 pianeti.

Prendete la borsina e ponetela sopra il vostro cuore dicendo le seguenti parole:

 

<< Oh Pianeta misterioso, regoli e governi in quest’ora tutti i destini del mondo e delle cose create, tiemmi sotto la tua protezione, difendimi, favoriscimi con tutti i tuoi doni fino all’ora della morte. Amen >>.

Pentacoli


Tanto si è parlato di colpo di ritorno e tanto si è domandato su come proteggersi da esso. Ecco ci sono vari metodi per impedire che questo accada. Ci sono gli amulteti, i talismani ma esiste un altro metodo ovvero utilizzare i pentacoli a scopo protettivo e anche per aumentare ilpotere personale.

Il termine pentacolo deriva dalla parola greca che significa  <>.

I segni che troviamo nei pentacoli sono:

l’esagramma o sigillo di Salomone che identifica il simbolo del macrocosmo;

il pentagramma, stella a cinque punte che è il simbolo dell’uomo;

il cerchio;

il quadrato;

il triangolo;

i sigilli planetari.

Il pentacolo dovrebbe essere costruito preferibilmente in metallo. La scelta di quest’ultimo deve combaciare con il Pianeta dominante di cui si  desidera la protezione.

Purtroppo non è molto facile incidere un pentacolo in un pezzo di metallo. La lavorazione è assai complessa e non tutti sono in grado di poterla fare. Percui, per questioni di praticità si può utilizzare il legno o ancor più facile un foglio di pergamena disegnato e consacrato secondo scrupolose regole.

Per poter creare un pentacolo avrete bisogno dei seguenti strumenti:

  • un compasso;
  • un regolo;
  • una matita morbida;
  • un foglio di pergamena;
  • penna ( non di metallo ma di un volatile.. logicamente non la andate a staccare direttamente al volatile)
  • una gomma da cancellare per eventuali errori;

Il  foglio di pergamena dovrà essere pefettamente quadrato  e la misura la potrete scegliere voi stessi. L’inchiostro dovrà andare a sostituire la cesellatura nel metallo che voi avrete scelto in base al pianeta. Anche l’nchiostro deve essere scrupolosamente preparato in base al pianteta da voi prescelto. Quindi ogni pianeta avrà il suo colore.

Inchiostro nero (Saturno): si prepara mischiando in una tazza di porcellana un bastone di inchiostro di china cona lcune gocce di acqua.

Inchiostro azzurro (Giove): diluire nell’acqua del *blu di metilene

Inchiostro azzurro chiaro (Luna): usare sempre il blu di metilene ma in una diluizione meno densa.

Inchiostro verde (Venere e Mercurio): preparare un infuso di bacche di bella donna acerbe e infine far condensare.

Inchiostro rosso (Sole e Marte) : usare bacche di Bella Donna molto mature o del *carminio naturale.

Inchiostro Bruno (Saturno): va fabbricato con della *Terra di Siena naturale diluita con acqua.

*Blu di metilene : spiegazione estrapolata da Wikipedia

Il blu di metilene (BdM) è un composto organico.

A temperatura ambiente si presenta come un solido cristallino di colore verde scuro. In soluzione acquosa assume intensa colorazione blu scuro. È un composto nocivo quasi inodore.

In chimica analitica trova uso come indicatore redox, dato che è di un intenso colore blu in ambiente ossidante ed incolore in ambiente riducente.

Date le sue proprietà riducenti viene usato in dosi di 60 – 70 mg al giorno per ridurre la metaemoglobina in occasione di metaemoglobinizzazione. Data la sua tossicità, che non è comunque elevata, la somministrazione deve essere valutata da un medico, in base al rischio di vita del malato. È estremamente nocivo per le persone G6PD carenti, a cui può provocare emolisi.

In acquacoltura – specialmente negli acquari amatoriali domestici – è usato per curare i pesci dall’infezione del protozoo parassita Ichthyophthirius multifiliis, noto anche come ictio o ichtyo.

Nell’industria alimentare e tessile è usato come colorante. Trova uso anche in biologia (più specificamente in istologia) per colorare nucleo e nucleolo delle cellule.

Quando ingerito in quantità non nocive modifica la colorazione delle urine, tingendole di un colore verde.

È comunemente acquistabile in farmacia.

Uso in cucina

In passato e – anche se molto di meno – anche oggi viene usato come colorante casalingo per dare ai cibi un colore blu.

*carminio naturale:  spiegazione estrapolata da Wikipedia.

Il carminio (dal latino chermes: verme) è una tonalità di rosso scuro che prende il nome da un colorante naturale, ricavato dal corpo disseccato di un insetto, noto come la cocciniglia del carminio. (Dactylopius coccus)

Utilizzi

È usato come additivo alimentare per accentuare il rosso di yogurt ai frutti, dolciumi, succhi di frutta ecc. (è generalmente identificato con la sigla E120).

*Terra di Siena naturale: spiegazione estrapolata da Wikipedia.

La terra di Siena è una gradazione del marrone e un pigmento inorganico usato in pittura. Si distingue in terra di Siena naturale e terra di Siena bruciata. Il pigmento terra di Siena naturale è noto anche come scyricum, sil pressum e terra d’Italia; quello terra di Siena bruciata come ocra romana pura.

La terra di Siena è un marrone chiaro, anzi chiarissimo.

I colori attualmente in commercio color terra di Siena sono ottenuti da miscele particolari di ossidi di ferro ed altri minerali brunastri.

Anche la penna di volatile ha la sua importanza in magia. possibilmente cercate di associare la piuma al pianeta… sebbene sia una regola  però può essere violata. in quanto non è così facile trovare una piuma di aquila o condor. Percui leggete solo a scopo conoscitivo. ricordo che le piume non le dovete stacacre direttamente dal volatile ok??? va benissimo prenderla da terra  (ovvero quelle che loro perdono naturalmente).

  • Sole: aquila, falco, ibis,condor, pappagallo;
  • Luna: gallina e anatra;
  • Marte: gallo, nibbio, picchio verde;
  • Mercurio: gazza, rondine;
  • Giove: tacchino, oca e pavone;
  • Venere: fagiano, tortora e piccione;
  • Saturno: gufo, civetta, gufo reale, corvo.

Dopo avere procurato tutto il materiale e tracciato il pentacolo con  la matita, regolo e compasso , ripassatelo con l’inchiostro specifico. Quando l’incriostro sarà asciutto, la traccia in matita andrà cancellata.

COSACRAZIONE DEL PENTACOLO.

Fate quata operazione in un luogo calmo e discreto.  In base al pentacolo che avrete costruito procuratevi ceri e incenso favorevoli a quel pianeta. Agirete nell’ora e nel giorno in cui quel determinato pianeta domina .

Accendere l’incenso (ricordate che nel dubbio è sempre meglio utilizzare l’inceso puro idem per le candele nel dubbio utilizzate quella di colore bianco in quanto neutra). Prendete il pentacolo e lo cospargerete di acqua ( come la classica benedizione ovvero spruzzatene delle gocce).

Dite:

<>.

Passatelo poi nel fumo dell’incenso e dite:

>.

Soffiaando poi sette volte sul pentacolo, si dirà:

<>.

Ponendovi infine sopra alcuni grani di sale dite :

<>.

Profumate con l’incenso l’involucro che preparete in anticipo con un pezzo di stoffa  ( fibre naturali come lino o cotone del colore del pianeta da voi scelto.. fate un sacchetto) lo passate per tre volte nel fumo dell’ incens. Dopo aver introdotto al suo interno il pentacolo, questo verrà chiuso ermeticamente.

Amuleto contro il malocchio la mano di Fatima


https://i0.wp.com/www.caramannagioielli.it/img/prodotti/AA010%20Ciondolo%20Simboli%20Mano%20di%20Fatima.jpg

Questo piccolo amuleto lo fabbricherete voi.  La fantasia in certe situazioni è sempre bene accetta per quanto riguarda la linea decorativa.Il materiale di cui avrete bisogno è

  • a vostra scelta cartone pesante, metallo o legno;
  • un anellino da ciondolo
  • delle perline (del colore dei pianeti di cui desiderate la protezione)
  • una catenella o una cordicella;
  • colori per dipingere il ciondolo (il colore che sceglierete è quello favorevole al vostro segno zodiacale).

Quello che dovrete fare è ritagliare nel cartone (o nel metallo o nel legno.. questo dipende dal vostro gusto personale) un ciondolino a forma di mano.

All’altezza del polso con un punteruolo vergine (quindi mai utilizzato) creerete un piccolo foro in cui inserirete un anellino che servirà per appendere la vostra manina ad una cordicella o ad una catenella.

A questo punto prendete di nuovo il punteruolo e forate anche le dita in cui appenderete una fila di perline che sceglierete in base ai colori dei pianeti da cui desiderate protezione. Prendete il colore che è abbinato al vostro segno zodiacale e colorate la manina e lasciatela asciugare.

Questo ciondolo andrà consacrato invocando per sette notti successive la protezione degli astri e dei pianeti maggiori avendo cura di lasciarlo fuori  (sul davanzale della finestra o su un balcone) sotto l’influsso delle stelle nella settimana del plenilunio.

Questo ciondolo vi proteggerà dal malocchio e apporterà beneficio nella vostra vita.

Questo amuleto dovrà essere sempre con voi, percui non dovrete mai perderlo di vista. Qualora decidiate di toglierlo per lavarvi, posatelo in un superficie di metallo con le dita orientate verso nord. Inq uesto modo sarà sempre sottoposto al magnetismo polare dell’asse terrestre.