Bagni purificativi: cosa sono e come si preparano


I bagni purificativi sono molto importanti per chi pratica l’arte. Tutti viviamo momenti di cali energetici, ma gli officianti sono coloro che dovrebbero usufruirne di più poichè prima di svolgere un rito e dopo, è necessario ripulirsi per rigenerare l’energia. Purtroppo oggi non è così semplice come nei tempi passati svolgere i riti all’aperto, di conseguenza, quando si svolge la magia entro le quattro mura, assorbire energie poco salutari è automatico.

Potrete trovare ovunque la descrizione di vari tipi di bagni frangisorte o ripuliture complete, ognuno sceglie la corrente che predilige, un cristiano opterà per la confessione e la benedizione, un pagano si affiderà ai poteri della Terra utilizzando erbe e acque cariche di energia positiva. Lo scopo è sempre e comunque quello di ripulire se stessi.

Non è mia intenzione spiegare il rito cristiano poichè dovrete necessariamente recarvi da un prete o per i casi più gravi da un prete esorcista. PEr chi invece vuole utilizzare riti purificativi di altra natura, cercherò di fornire le varie istruzioni per svolgerli.

Bisogna tenere a mente un po’ di cose, semplici passaggi che però sono fondamentali. Sappiamo tutti che i bagni avvengono attraverso l’utilizzo di fiori e foglie di vari tipi di piante. Essi verranno prima essiccati o potrete trovarli già pronti in erboristeria. Ricordate che fiori e foglie essiccati non si fanno mai bollire.  Si depongono in una grande ciotola dove verserete dell’acqua calda (non bollente). Dopo di che dovrete lasciare in infusione per almeno 15 minuti. Passato questo tempo, l’acqua sarà a temperatura ambiente e i fiori e le foglie dovranno essere rimossi prima che l’acqua venga caricata.

Quando si utilizzano noci, bacche, radici, cortecce, semi di qualsiasi tipo, si devono far bollire per almeno 30 o 40 minuti in una pentola di ghisa, non utilizzate mai alluminio per fare cose di questo tipo.Qualsiasi pentola non metallica andrà bene.

Se invece avete a disposizione fiori e foglie fresche non dovrete mai farli bollire o versare su essi dell’acqua bollente. Essi si metteranno in acqua fredda. Ma come dovrete deporli in quest’acqua? Come saprete fare infusi in acqua calda sprigiona i profumi delle erbe essiccate. Con le erbe fresche dovrete prenderle tra le mani e strapparle. Di volta in volta immergerete le mani nell’acqua e sfregherete con forza esse nei vostri palmi in modo da far uscire tutte le essenze mentre pregate per raggiungere il vostro intento.

Ovviamente per i bagni purificativi sono decisamente megliori erbe essicate, radici, cortecce, noci e semi.

Un piccolo appunto sull’acqua. Sappiamo che il sale è la fonte primaria per ogni purificazione, sarebbe ottimo raccogliere l’acqua di mare e in questo caso immergersi per rigenerare le energie, non avendola potrete mettere del sale integrale marino perchè preso dai mari e dagli oceani.

Se utilizzate invece acqua di fonte non avete bisogno di unire il sale poichè avrà assorbito la linfa della Terra ed è più che sufficiente.

Ricordate che se dovete lavarvi con saponi o oli dovrete farlo prima e non dopo perchè l’acqua del bagno purificatore deve imprimersi nella vostra pelle, di conseguenza sono vietati gli asciugamani.

Annunci

Scrivi qui il tuo commento, grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: