Qualche consiglio


Molti di voi  mi scrivono chiedendo il motivo per il quale non intervengo più nel blog. Francamente, la mia risposta è abbastanza ovvia. Scrivete in tantissimi e non riesco  a leggere ogni singola domanda che ponete. Quelle che riesco a leggere, comunque, non si discostano dai soliti interrogativi che sono stati più volte trattati sul forum e qui sul blog. Vi sono numerosi articoli che potrebbero soddisfare in pieno la vostra curiosità, se solo vi impegnaste a cercarli.

Ho notato che avete stretto amicizia tra di voi, non è di certo un male, ma mi sono resa conto che  questo blog sta diventando un muro del pianto e di disperazione, questa è una cosa che non approvo. Mi sono accorta di alcuni scambi di link riguardanti altri forum, di  moltissimi riti che vengono scambiati tra di voi, su cui non sapete alcun che e vi cimentate a farli lo stesso.

Il blog è pregno di articoli di raccomandazione, ma puntualmente non vengono letti. Mi chiedo quanto siate realmente interessati a questo mondo, perchè ogni volta è veramente difficile capire il confine tra la disperazione e il vero interesse.

Alcune persone mi scrivono in tono di rimprovero, chiedendomi il motivo per cui non le aiuto con i riti. La risposta è semplice, perchè nel blog c’è scritto proprio tutto. Ci sono almeno cinque articoli sul rito di S.Elena, ma nessuno li legge. Ci sono approfondimenti sulla Santa Muerte e le varie novene, nessuno li legge. Mi dovrei sentire in colpa perchè la vostra pigrizia vi limita?? Credo proprio di no.

Avere la pappa pronta non vi aiuterà in magia. Se siete solo disperati, allora, questo non è il posto per voi. Se la vostra intenzione è solo quella di limitare il libero arbitrio di un altro individuo  perchè siete troppo pigri per cambiare il vostro cammino, allora, non fa per voi. La magia è un’evoluzione spirituale. Difficilmente chi ha interesse e vuole crescere in questo contesto desidera limitare la libertà altrui per puro egoismo.

Ognuno di noi, ha un cammino da svolgere e voi, vi state limitando per paura. Però, la cosa più triste è che volete limitare anche il cammino altrui. Quando una persona vi rifiuta, significa che ci starete male anche se la riporterete a voi con la forza. Non funziona così la vita. La sofferenza non è una pena o una punizione, è una prova per apprendere la maturità che vi manca in un determinato contesto.

 

Vi abbraccio

Princess )O(