INCANTESIMO DEL GIACINTO


Anche questo rito è già presente nel blog, ma ho preferito riservargli un articolo tutto per se.

Comprate un vaso e del terriccio entrambi  nuovi in  un  venerdì di luna crescente. Sento sia necessario fare una precisazione a riguardo. In un libro che lessi molto tempo fa, era previsto andare a cercare del terriccio in un luogo in cui non ci fosse mai passato nessuno o avesse urinato un gatto.

Il rito originale, prevedeva lo sforzo da parte della ragazze di impegnarsi a cercare tale terriccio vergine. Ma per trovare una zolla di terra, in cui nessuno  abbia mai messo piede, oggi, direi che è  estremamente difficile, ma nemmeno del tutto impossibile. Però, anticamente, chi doveva effettaure dei riti, sapeva che vi sarebbero stati dei sacrifici da fare, che bisognava essere astuti e scervellarsi per trovare una soluzione al problema  ma soprattutto, ci si doveva impegnare. Ecco, questo era il giusto atteggiamento per affrontare un rituale, in quanto, ancor prima di operare, la persona, stava già iniziando  la preparazione ad esso e di conseguenza, attirava a se la possibile vittima. Andare a comprare del terriccio non offrirà mai il coinvolgimento mentale che riserverebbe una bella passaggiata alla ricerca di una zolla vergine. Ma se voi, dopo aver fatto mille ricerche, non trovate la zolla vergine, andrà bene la seconda opzione cioè di comprare il terriccio. In questo caso, però, avrete, se non altro, toccato con mano tutte le opzioni e vi sarete impegnate per raggiungere il vostro scopo. E’ questa la chiave.
Fatta questa piccola premessa, continuamo con la spiegazione. Prendete  il bulbo e deponetelo all’intermo del vaso e ricopritelo  con la terra battezzandolo con il nome della persona amata (quindi, mentre lo coprite direte << da oggi tu ti chiamerai ….(nome e cognome più data di nascita dell’amato)….).
Ogni mattina  ed ogni notte lo innaffierete con qualche goccia d’acqua poi, con molta dolcezza ma allo stesso tempo molta convinzione, reciterete queste parole per ben tre volte come una cantilena:

<< La radice crescerà ed il fiore si aprirà venga a me il cuore dell’amato mio… (nome)… voglio, comando e posso così sia>>.

Questo rituale lo farete fino a che il fiore non sarà del tutto sbocciato!

NOTE: Se non trovate il giacinto,andrà bene qualsiasi tipo di bulbo,basta che sia profumatissimo es.  il mughetto, la fresia, il tulipano. Il giacinto è il più indicato, in quanto considerato il fiore di Venere.

Vi ricordo che questo antico rituale veniva eseguito dalle giovani fanciulle prima delle feste di paese. Non avendo la possibilità di proporre un ballo alla persona che aveva catturato la loro attenzione, perchè all’epoca non era bello che una ragazza fosse emancipata a tal propisito quindi, utilizzavano il rito per attirare le attenzioni del loro preferito. Non garantisce l’amore, ma vi offre una possibilità. Potrete effettuarlo quando vorrete, ma sempre con parsimonia.  In ogni caso, se la persona non fa per voi, ve ne accorgerete subito perchè il bulbo marcirà.

INCANTESIMO DELLA SEDUZIONE


https://princessesmy.files.wordpress.com/2011/11/tecniche-di-seduzione.jpg?w=300

 

Questo rituale, l’avevo già inserito tempo fa in un articolo dove erano riportati tanti altri rituali. Credo sia meglio, per essere più ordinati,  separare ogni magia in un articolo a se, in modo tale da evitare di mischiare troppe cose insieme.

Per voi sarà molto più semplice affrontare un rito per volta. Almeno, secondo me è molto più corretto così.

 

Prendete un foglio nuovo di carta bianco in cui scriverete il vostro nome e quello della persona amata x intero ( nome e cognome.  Prestate attenzione a scrivere prima il vostro nome di quello dell’amato/a , altrimenti  se scriverete prima quello della persona su cui dovete operare, rischierete di essere voi dominati  da quest’ultimo/a quando invece,  dovrebbe essere il contrario) seguiti dalle rispettive date di nascita.
Percio vi ritroverete ad avere una situazione di questo tipo:

germano rossi

adele bianchi
23/6/1980 (data di lui)
6/7/1983(data di lei)

( ho scritto prima il nome maschile ipotizzando fosse lui a fare la fattura. Se invece fosse lei, giustamente, sarà il nome femminile ad essere scritto per primo).

Dopo di che, disegnate un cuore che racchiuderà il tutto (i nomi e le date). Scrivete  per altre 3 volte consecutive nomi e date sulle stesse righe( ovvero dove c’è il nome di lui riscriverete sopra il nome di lui, lo stesso x lei e per le date … in pratica vi sembreranno dei geroglifici  incomprensibili, ma è così ke deve essere).

Prendete il foglio che avete scritto e piegatelo su se stesso quante piu volte potete. Successivamente aver effettuato questa operazione, procuratevi una candela grande  di colore rosso o rosso arancio (stile lumino) in modo tale da posizionarci il foglio sopra per farlo ardere il piu possibile ripetendo x tre volte di seguito questa formula:

<< Viva è la fiamma,
ardente il fuoco,
rosso è il colore del desiderio>>

Questo incantesimo, va ripetuto per nove giorni consecutivi sempre alla stessa ora e volendo potrete ripeterlo a distanza di qualche mese. Non è uno di quei riti che andrebbero svolti una sola volta nella vita. Lo potrete ripetere a necessità, ovviamente,  senza essere ossessive.

 NOTE : Ricordate di non gettar via le ceneri, in quanto è bene custodirle all’interno di un coffanetto che conserverete gelosamente. Esse, hanno potere occulto e richiamano la buona sorte. Le antiche streghe, erano solite conservare le ceneri di tutte le pratiche magiche nello stesso coffanetto come buon auspicio.Non sono cosa inutile,  in loro si racchiude tanta potenza.