Il Rospo protegge dal male.


Il rospo è un animale molto caro alla strega. Attraverso lui le fattucchiere ( che non sono streghe) riuscivano a inviare malefici d’amore o d’odio. Se queste donne volevano causare male al nemico allora trucidavano il povero rospo, al contrario se volevano ottenere il ritorno di un amore perduto  facevano penare un po la povera bestiola ma senza farla morire altrimenti anche l’amato sarebbe passato a miglior vita. Utilizzare il rospo come fattura non è un ottima scelta in quanto se non si è ben protetti rischiate un colpo di ritorno grande come una montagna. Ricordate che i malefici effettuati attraverso i rospi sono sempre di magia nera.

Quindi se trovate un rospo vivo vicino alla vostra abitazione, tranquilli non apporta alcun genere di maleficio in quanto dove egli è presente il male non attacca. Ma soprattutto ricordate ancora che fargli del male significa privare la vostra abitazione di un potente amuleto  protettivo contro qualsiasi evento nefasto.

Chi sostiene che il gatto nero porti sportuna si sbaglia di grosso!! vi spiego il perché


black-cats

Il gatto è un animale magico, da sempre è stato considerato così. Viene associato alla Strega dalla notte dei tempi, perché  definito  il suo migliore amico e quindi portatore del male, come a qualcuno piace insinuare.

Tutti i gatti sono categorizzati amici delle streghe ma in paticolar modo quelli di colore nero, forse perché hanno lo stesso colore della notte e come ben sappiamo il nero viene spesso associato all’ignoto, all’occulto, al male. E’ sempre stato insinuato che il gatto nero fosse insieme alla strega considerato portatore di sfortuna, dolori, pene e lacrime. Ma in realtà così non è mai stato e mai lo sarà

Se avrete la fortuna di trovare un gattino nero per la strada, vi prego di raccoglierlo e portarlo con voi a casa, se deperito e maliticcio curatelo come meglio potete. Il gattino vi sarà riconoscente e quindi si affezionerà a voi. Questo forte legame che instaurerete con lui non porterà alcun tipo di sfortuna anzi, direi l’esatto opposto. Non vi siete mai chiesti perchè fosse stato prescelto come fedele compagno dalla Strega???

Possedere un gatto nero per la Strega era come portare con se  un potente amuleto  contro le fatture e il malocchio. Egli ha il potere di proteggere, fino a che rimarrà in vita, da tutti i malefici che verranno lanciati verso voi e la vostra casa. Per cui,  chi trova un gatto nero trova un tesoro.

Qualora giungesse dalle vostre parti un gatto nero adulto, non abbiate il timore pensando che possa nuocervi o portare negatività nella vostra vita.  Al contrario, dategli da bere e mangiare, perchè sarà la sua riconoscenza a proteggervi da ogni evento funesto.

Al contrario ucciderlo o fargli del male apporterà grandi sfortune.

Parola di Strega!

CRONOS XP Software per il calcolo delle ore planetarie e delle fasi lunari per Windows.


https://i0.wp.com/chronosxp.sourceforge.net/images/calendarsmall-it.jpg

(Clicca per scaricare il software gratuitamente)

 

Molti di voi hanno problemi nel riuscire a calcolare ore planetarie  fasi Lunari. Sono due elementi utili per svolgere rituali di ogni tipo. Percui vi consiglio di scaricarvi questo software gratuitamente. Cliccate sull’immagine e verrete portati direttamente sul sito dal quale potrete scaricare questo gioiellino utile  atutti gli operatori magici.

Piccoli ingegni antichi per gli innamorati.


Gli antichi avevano i loro piccoli trucchi per richiamare un amore o per allontanarlo. Vi scriverò, in via del tutto conoscitiva, alcuni piccoli aneddoti.

Le giovani ragazze che desideravano sposarsi, procuravano alcune ciocche di capelli appartenenti all’amato e con cura le intrecciavano dandogli la forma di un fantoccio. Quel fantoccio rappresentava l’oggetto dei loro desideri. Successivamente, prendevano alcune ciocche dei loro capelli ed in egual maniera intrecciavandole fra loro formavano un altro fantoccio che questa volta rappresentava loro stesse.

I pupazzetti creati con le ciocche dei capelli venivano posti in luogo nascosto, lontano da occhi indiscreti, l’uno di fronte all’altro, separati da una distanza pari alla statura dei loro innamorati.

Ogni giorno, la ragazza accostava i pupazzetti di alcuni centimentri. Quando dopo un bel po di tempo i pupazzetti arrivavano a toccarsi, la credenza  voleva che fosse giunto il momento di sposarsi.

In queste operazione magica non venivano recitate formule, ma semplicemente veniva utilizzato il potere della mente attraverso la visualizzazione o la forza di volontà.

Un altro aneddoto particolare che riguarda sempre l’invio alla vittima di immagini create dalla nostra mente è il seguente:

Il metodo che abbiamo appena citato sopra, veniva utilizzato anche all’inverso cioè quando si desiderava allontanare un pretendente indesiderato, oppure una rivale o un qualsiasi cattivo presagio.

Cio che è importante dire è che se le regazze ottenevano lo scopo desiderato, non era grazie ai fantocci che avano fabbricato ma grazie alle immagini mentali che quei pupazzetti le aiutavano a proiettare. Anche in questo caso, i pupazzetti venivano posti l’uno di fronte all’altro ma questa volta vicinissimi e ogni giorno venivano allontanati di qualche centimentro fino ad allontanarli del tutto.

Un altro piccolissimo aneddoto  riguarda le coppie che portavano al dito degli anelli gemelli contenenti una ciocca di capelli per ciascuno. I due innamorati, in questo modo, venivano legati l’uno all’altra per sempre senza che nulla potesse separarli.

Come ho già precisato, sono pillole di saggezza antica, non è necessario credere a tutto ciò, ma è comunque affascinante capire le usanze e le credenze.

LA STORIA DI MIRZA.

Mirza era una giovanissima ragazza. Il suo cuore era colmo d’amore per un giovanotto di nome Karif. Mirza voleva a tutti i costi al suo fianco Karif e così  chiamò la sua immagine nel suo spirito e gli fece la corte per tentare di sedurlo ( tutto ciò con il solo potere della mente).

La ragazza ogni notte, prima di andare a dormire, priettava immagini mentali a Karif tanto che il ragazzo, bombardato da queste energie psichiche non riusciva a restirle.

Mirza riusciva a visualizzare in modo molto detrminato le immagini che voleva inviare a Karif. L’esercizio costante e la forza di volontà  le permettevano addirittura, di attirare a se un perfetto sconosciuto da qualsiasi parte del mondo. Le bastava concentrarsi sull’immagine del suo ideale  ed egli veniva a lei nel tempo voluto.

Questo atto si chiama la Chiaroveggenza dello Spirito, si proiettano delle immagini mentali attraverso lo spirito finchè raggiungono l’essere umano adatto a riceverle. In questo modo si stabilisce un contatto o meglio un legame fra i due soggetti al punto da attirare l’uno verso l’altro.