L’incantesimo di Ynis Vitrin (by FataMorgana)


https://princessesmy.files.wordpress.com/2010/10/lamela.jpg?w=297

  • Ingredienti: 7 mele rosse (le più rosse che trovate), una per ogni giorno della settimana. Una candela rossa Un incenso composto da :rosa, viola, lavanda gelsomino, menta, salvia e basilico.
  • Periodo idoneo: Luna crescente.

 

Ogni sera, per sette sere, raccogliersi in un luogo appartato (camera vostra ad esempio), accendere la candela, accendere l’incenso, prendere la mela tra le mani e distendersi, cercando di trovare la concentrazione adatta per poter visualizzare il desiderio che volete richiedere, l’energia di questo che entra nella mela e la successiva risoluzione positiva.

Prendetevi il tempo che serve per visualizzare tutto nell’ordine che ho scritto. Quando vi sentirete pronti, passate il frutto caricato dell’energia sull’incenso mentre recitate la seguente invocazione:

 

“Grande Madre ascolta il mio richiamo, e del fato il ricamo tessiamo… Con questo simbolo d’eternità, Fammi arrivare alla verità… Ciò che desidero si realizzerà, con il tuo aiuto ciò che non è, Diverrà! A te rimetto la speranza mia, se a te piaccia che così sia!”

 

Detto questo, incidete sulla buccia, con l’unghia o con il boline, un cuore (per un effetto generico) o un cuore ed un nome (per un effetto specifico) e poi, visualizzando nuovamente la RIUSCITA del vostro desiderio, mangiate piano la mela. Il torso non deve essere buttato nell’immondizia ma interrato, se non avete terra a disposizione, procuratevi un grosso vaso (magari se l’annaffiate di tanto in tanto potrebbe anche crescere una piantina di melo…in quel caso, dedicatela alla Dea…poi vi spiegherò come questa “magica” piantina può essere un potente talismano ed un ottimo “famiglio” ^_^) Quando avrete finito di masticare il frutto, ringraziate la Madre, spegnete la candela con uno spegni moccolo senza soffiare sopra (perche deve servirvi per tutti i sette giorni , l’ultimo giorno lasciatela consumare completamente) e lasciate che si spega da solo l’incenso.