Archivi Mensili: settembre 2010

Rituale per la notte di Samhain(o Halloween)


http://princessesmy.files.wordpress.com/2010/10/blessedsamhain.jpg?w=300&h=300

(Se clicchi sopra l’immagine verrai automaticamente collegato all’articolo scritto da Fata Morgana sul forum Ruota dell’Anno Wicca. Per accedervi dovrai essere un menbro delforum altrimenti.. registrati e noi ti accoglieremo nella nostra piccola famigliola)

Care le mie sorelline oggi mi accingo a scrivervi i passi che dovrete fare per festeggiare questo meraviglioso Sabbat che si festeggia la notte tra il 31 Ottobre e il 1mo Novembre. Questa festa è anche conosciuta come :

  • Vigilia di Novembre;
  • Ognissanti;
  • Halloween;
  • Festa delle anime;
  • Festa dei morti;
  • Festa delle mele.

Questo Sabbat sta ad indicare la morte simbolica del Dio Sole, ed ik suo passaggio nella “Terra della giovinezza”, dove egli attende la rinascita della Dea Madre a Yule.
Vi ricordo che questa che ho fatto è una piccola e breve premessa tratta dal libro di Scott Cunningham, ma se desirate aproffondire l’argomento, potrete leggere la Ruota dell’anno Wicca scritta da Fata Morgana sul forum. Appunto lei ha spiegato più nel dettaglio le varie tradizioni di Samhain e tutto ciò che potrete sbizzarrirvi a fare in questa festa come ad esempio tante succulente ricettine.
Io invece mi soffermo a darvi una guida per festeggiare questo giorno con un rituale carino che potrete modificare a vostro piacimento. La fantasia è sempre bene accetta.

Addornate il vostro altare con frutta di stagione come mele, melograno, zucche, zucchine.. insomma potrete sbizzarvi come volete. Potrete aggiungere anche i classici fiori autunnali come i crisantemi o la calendula (dalle quali potrete trarne uno straordinario oleolito dalle strabilianti proprietà curative e lenitive.
Adesso scrivete su di un pezzetto di carta un aspetto della vostra vita che non vi piace affatto di cui vorrete liberarvi ad esempio siete nevrotici, avete molta rabbia, un brutto vizio o abitudine, sentimenti mal riposti, malattie e chi più ne ha più ne metta.
Inoltre posizionate sull’altare il calderone o un oggetto simile a prova di calore è bene che per sicurezza lo poserete sopra un tre piedi affianco o di fronte all’altare così non si rischia di diventare piromani.Nel libro c’è scritto di creare con le vostre manine la ruota dell’anno su un piattino che posizionerete sull’altare ma se la fate di cartone o qualsiasi altro materiale è indifferente… basta che ci sia in quanto è il simbolo dell’”infinità del tempo”.

Samahin come abbiamo già detto è il Sabbat in cui si celebrano le anime dei nostri cari che sono passati a miglior vita. Appunto per questa ragione è bene prima di iniziare il nostro rito e quindi iniziare la vera e propria celebrazione, sederci, rilassarci chiudendo gli occhi e rivolgere un pensiero a coloro che abbiamo amato e che ora non sono più qui insieme a noi. Logicamente è bene che non vi disperiate e che inviate loro pensieri positivi in quanto di certo la loro anima non morrà mai. Percui siamo positivi e pensiamo che, anche se non li possiamo vedere li possiamo sempre sentire accanto a noi in ogni momento.

Fatta questa piccola onoreficenza alle anime dei nostri cari accendiamo le candele, l’incenso e creiamo il nostro cerchio.

Invocazione degli elementi:

Aria, Acqua, Terra, Fuoco,
Elementi della Nascita Astrale
Io Vi invoco: Venite a me!
In questo Cerchio,
Appositamente creato
Da attacchi o colpi psichici,
Sono riparato
Io Vi invoco : Venite a me!
Dalle grotte e dal deserto,
Dalle colline e dal mare
Con la bacchetta e il pugnale,
Con la coppa e il pentacolo,
Io vi invoco: Venite a me!
Così voglio e così è!

Recitate il canto di benedizione:

Possano i poteri dell’Uno,

La fonte di tutto il creato,

Onnipresente, onnipotente, eterno;

Possa la Dea,

La Signora della Luna,

Ed il Dio, Cacciatore Cornuto del Sole;

Possano i Poteri

degli Spiriti delle Pietre,

Sovrani dei Regni Elementali;

Possano i poteri delle Stelle sopra e della Terra sotto,

E me che sono con Voi!

Ivocate la Dea:

Dea Misericordiosa,

Tu che sei regina degli Dei,

Luce della Notte,

Creatrice di tutte le cose selvagge e libere;

Madre delle donne e degli uomini;

Amante del Dio Cornuto e protettrice di tutti i Wiccan:

Discendi, Ti Prego!

Con il tuo raggio di Potere Lunare

Qui nel mio Cerchio!


Invocate il Dio:

Dio Luminoso

Tu che sei Re degli Dei,

Signore del Sole,

Sovrano di tutte le cose selvagge e libere

Padre delle donne e degli uomini;

Amante della Dea della Luna e protettore di tutti i Wiccan:

Discendi, Ti Prego! Con il tuo raggio di Potere Solare

Qui nel mio Cerchio!


Adesso sollevate il melograno e con il coltello dal manico bianco ben pulito forate la scorza del frutto. Prendete alcuni semi e metteteli sul piatto con il simbolo della ruota. Ora sollevate la bacchetta e dite:

In questa notte di Samhain,

Ricordo il Tuo passaggio,
Oh Re Sole, attraverso il tramonto
Verso la Terra della Giovinezza.
Ricordo anche il passaggio
Di tutti quelli che se ne sono andati in passato,
E di quelli che se ne andrannoin futuro.
O Dolce Dea, Madre Eterna,
Tu che fai rinascere chi è ora caduto,
Insegnami a scoprire
Che nel tempo dell’oscurità più profonda,
C’è la Luce più splendente.


Assaggiate i semi del melograno e gustate il suo sapore dolce ed amaro masticandoli lentamente. Osservate poi il piattino con la ruota dell’anno, il ciclo delle stagioni, la fine e poi l’inizio di tutta la creazione.
Adesso se possedete il calderone accendete il fuoco se no va bene anche una candela che lo rappresenti e in cui dovrete poi bruciare il foglietto dove avrete scritto ciò di cui vi vorrete liberare per il nuovo anno.
Prendete appunto il foglietto e tenetelo fra le vostre mani e osservate la fiamma della candela dicendo :

Saggia Signora della Luna Calante,
Dea della Notte Stellata,
Io accendo questo fuoco nel Tuo calderone
Per trasformare ciò che mi tormenta.
Possa il suo potere invertire le energie:
Dall’oscurità, la luce!
Dal male, il bene!
Dalla morte, la nascita!

Ora bruciate il foglietto nella fiamma della candelao nel calderone. Se avete il calderone lo lascerete cadere al suo interno e lo farete bruciare se no lo accenderete nella fiamma della candela e lo farete bruciare sopra un contenitore che resista al calore. Mentre brucia siete consapevoli che ciò che vi fa star male a poco a poco diminuisce, svanisce e finalmente vi abbandona, consumandosi nel fuoco universale. Rilasciate nel calderone ogni dolore o senso di perdita che potreste sentire.
A queso punto se lo desiderate potrete compiere lavori di magia.

Dopo che terminerete di operare magicanente si praticherà la fase conclusiva.

Finito di celebrare il rito celebrate il Piccolo Banchetto:

Sollevate al cielo la coppa con del vino all’interno o un altro liquido( in questo caso è bene il latte o vini speziati) con entrambe le mani e dite:

Oh Dea dell’abbondanza e di misericordia,

Benedici questo vino ed infondilo del tuo amore.

In vostro nome,

Dea Madre e Dio Padre,

Io benedico questo vino!

Adesso sollevate al cielo un piatto di dolci ( pane, biscotti volendo li potreste confezionare voi per l’occasione ricordando che Imbolc è la festa di prodotti caseari percio dolci a base di latte o panna sono graditi)con entrambre le mani:

Oh potente Dio del raccolto,

Benedici questi dolci ed infondili del tuo amore.

In vostro nome,

Dea madre e Dio Padre,

Io benedico questi dolci ( o questo pane)!

Adesso potete concedare il vostro cerchio :

Addio spirito del Nord,

Io ti ringrazio per essere stato qui presente.Ritorna a potere.

Addio spirito dell’Est,

Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.

Addio spirito del Sud,

Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.

Addio spirito dell’Ovest,

Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.

Cancellate il cerchio.

Blessed be )O( Princess!!

Hello world!


Welcome to WordPress.com. This is your first post. Edit or delete it and start blogging!

LEGAMENTO CON LE TRE CANDELE (HOODOO).


http://www.settemuse.it/pittori_scultori_europei/chagall/marc_chagall_033_tre_candele_1938.jpg

Questo rituale dura ben 9 giorni e lo si svolge tramite 3 candele
unabianca, una rosa e infine una rossa. Tre perchè, perchè una ha l
compito di attirare la persona a voi (bianca), la seconda ha il compito
di generare dei sentimenti d’amore(rosa) e la terza serve per creare la
passione (rossa). fatte queste piccole precisazioni per descrivere il
rito adesso ci accingiamo a spiegarlo così che lo possiate fare qualora
se bne sentirete l’esigenza. Mi raccomando leggetelo bene e rifletteteci
bene prima di fare rituali di questo tipo. Molte persone per la
disperazione decisono di farli ma poi, come al solito, per la fretta e
la disperazione sbagliano il 90% del rito. Questo non va bene, percui
prestate attenzione e leggetelo più volte ed agite quando più vi sentite
sicure.

Cosa vi occorrerà per svolgere questo rituale??? ecco a voi l’elenco di ciò che vi occorre per metetrlo in atto

  • una candela bianca
  • una candela rosa
  • una candela rossa
  • un chiodo o un ago per scolpire la candela ( mi raccomando debbono
    essere vergini ovvero nuovi mai utilizzati prima per latri scopi).
  • una matita
  • una penna nera
  • una penna rossa
  • un catino con acqua
  • tre pezzi di carta
  • un piattino per le candele
  • una bottiglietta d’olio d’erbe che attirano l’amore ( va bene anche del semplice olio d’oliva).

Prima dell’alba del
primo giorno, fare il bagno in acqua pura a cui avrete aggiunto tre
gocce di uno o più degli oli che attirano l’amore ma va bene anche solo
dell’olio d’oliva. Versare l’acqua sopra la testa 9 volte e ripetere la
seguente orazione

"Spirito d’amore, faccio
questo lavoro per amore e solo l’amore, che io possa essere amato da
[nome di lui o lei]  come io amo lui/lei. Amen."

Adesso
uscite dalla vasca ed asciugatevi all’aria senza utilizzare
asciugamano. Prendete ora il catino e mettete al suo interno una parte
dell’acqua in cui vi siete lavati, perche ora ha la vostra essenza.
Vestitevi di abiti freschi con fibre naturali come il cotone, portare
voi l’acqua che avete raccolto della vasca dirigetevi ad un incrocio
sollevate il catino all’altezza della vostra spalla sinistra e gettate
l’acqua in direzione del sorgere del sole cioè ad est. Tornare indietro a
casa e non guardare indietro. Ora siete pronti per iniziare i lavori.

Questo rito di purificazione o preparazione ad un rituale va bene per
qualsiasi tipo di rito d’amore. Ma penso si possa anche saltare in
quanto non serve a completare l’altro. sono due riti separati. Questo è
più che altro un rito come già dicevo purificativo. di solito prima di
iniziare un rituale ci si lava e ci si prepara per iniziare il lavoro
d’amore, lavoro o qualsiasi altro tipo voi decidiate di fare.

Il primo giorno,
appunto inizierete all’alba. Prendere lil primo pezzo di carta e
scrivere sopra il vostro nome e quello della persona che ami [il nome e
cognome] a matita, il tutto in un colpo solo, senza staccare la penna
dal foglio, in modo che i due nomi formano un cerchio e la fine è unito
all’inizio . Incidere il nome completo della persona che ami sul lato 
appropriato della candela bianca a secondo del genere maschile o
femminile [quindi maschio a destra donna sinistra]. Scolpisci il tuo
nome completo dall’altra parte e ungere la candela con l’olio d’amore
(olio d’oliva va bene). Dopo aver scritto i vostri nomi nei due lati
della candela, dite: 

"Spirito d’amore, in
nome di questa donna/uomo ( qui dovete dire il vostro nome e cognome)
e  questo uomo/donna (ora dire il nome e cognome dell’amato o amata).
Come è stato fatto a questa candela, può essere fatto per i nostri
pensieri. "

( si intende per i nomi che
sonos tati scolpiti nella candela a sua volta ci si augura che anche nei
pensieri dell’amato venga inciso il vostro nome.. in questo caso si sta
operando per attirarlo a voi)

Posizionare la
carta che avrete scritto precedentemente sotto il piattino della
candela, poi ungere la candela con la vostra saliva, dicendo:

"[Nome
dell'amato], amami come io amo te. Desiderami come io desidero te.
Vieni a me come io vengo a te. Attraverso queste mie parole d’amore e
della lingua,  possa tu essere mio come io sono tua. "

Accendere la candela e dire la seguente preghiera:

 "Spirito
di puro amore, io brucio questa candela in nome dell’ amore puro. Che
io possa essere amata/o da [nome e cognome del vostro amore] come io
stessa/o amo [lui/lei] e che [nome dell'amato/a] e che bruci d’amore per
me, come io brucio per lui/lei. Lascia che i nostri pensieri siano uno.
Amen ".

Lasciate che la candela bruci
circa 1 / 3, per poi spegnerla pizzicare la  fiamma o con le dita
inumidite o con uno spegni moccolo.

 

Il 2 ° giorno, di nuovo accendere la candela bianca all’alba, e recitare la preghiera :

 "Spirito
di puro amore, io brucio questa candela in nome dell’ amore puro. Che
io possa essere amata/o da [nome e cognome del vostro amore] come io
stessa/o amo [lui/lei] e che [nome dell'amato/a] e che bruci d’amore
per me, come io brucio per lui/lei. Lascia che i nostri pensieri siano
uno. Amen ".

 Bruciare fino a quando non
si è consumata almeno di 2/3 e spegnerla o con le dita inumidite o con
lo spegni moccolo mai soffiarci sopra se no spezzate l’incantesimo.

Il 3 ° giorno, ancora una volta accendere la candela recitare la preghiera:

 "Spirito
di puro amore, io brucio questa candela in nome dell’ amore puro.
Che io possa essere amata/o da [nome e cognome del vostro amore] come
io stessa/o amo [lui/lei] e che [nome dell'amato/a] e che bruci
d’amore per me, come io brucio per lui/lei. Lascia che i nostri
pensieri siano uno. Amen ".

Lasciarla bruciare totalmente e ovviamente bruciate anche il foglietto con i vostri nomi questa volta.

Ill 4 ° giorno,
invece inizierete il rituale a mezzogiorno. Scrivere entrambi i vostri
nomi sulla carta come ho già detto in precedenza, ma questa volta
utilizzerete l’inchiostro della penna nera. Incidere i vostri nomi nome
come in precedenza nella candela rosa e rivestire anch’essa diolio come
prima (il procedimento è il medesimo), dicendo:

"Spirito
d’amore, in nome di questa donna/uomo ( qui dovete dire il vostro nome
e cognome) e  questo uomo/donna (ora dire il nome e cognome dell’amato
o amata). Come sè stato fatto a questa candela, può essere fatto per i
nostri  cuori"

Poi mettete la candela contro il
vostro corpo nudo, tra i tuoi seni se sei una donna, o all’altezza del
cuore se sei un uomo, dicendo:

"[Nome
dell'amato], amami come io amo te. Desiderami come io desidero te.
Vieni a me come io vengo a te. Attraverso l’unione del mio cuore con il
tuo,  possa tu essere mio come io sono tua. "

Accendere la candela e recitare questa preghiera:

"Spirito
del romantico amore,io brucio questa candela in nome dell’ amore
romantico. Che io possa essere amato da [nome di lui o lei] come io  amo
[lui/lei] e che [nome del vostro amore] brucierà d’amore per me, come
io brucio per lui/lei. 
Lasciate che i nostri cuori siano uno. Amen. "

Lasciate che la candela bruci per circa 1 / 3  poi spegnere come  è già stato spiegato in precedenza.

Il 5 ° giorno, di nuovo bruciare la candela rosa a mezzogiorno, e recitare:

"Spirito
del romantico amore,io brucio questa candela in nome dell’ amore
romantico. Che io possa essere amato da [nome di lui o lei] come io 
amo [lui/lei] e che [nome del vostro amore] brucierà d’amore per me,
come io brucio per lui/lei. 
Lasciate che i nostri cuori siano uno. Amen. "

 
Bruciare fino a quando non si è consumata almeno di 2/3 e spegnerla o
con le dita inumidite o con lo spegni moccolo mai soffiarci sopra se no
spezzate l’incantesimo.

 

 


Il 6 ° giorno
, ancora una volta accendere la candela a mezzogiorno, e dire:

"Spirito
del romantico amore,io brucio questa candela in nome dell’ amore
romantico. Che io possa essere amato da [nome di lui o lei] come io 
amo [lui/lei] e che [nome del vostro amore] brucierà d’amore per me,
come io brucio per lui/lei. 
Lasciate che i nostri cuori siano uno. Amen. "

Lasciarla bruciare fino a quando non si spegne ricordandovi di bruciare anche il foglietto con i vostri nomi scritti.

Il 7 ° giorno,
si inizia al tramonto. Scrivere entrambi i vostri nomi sulla carta
rimasta come sopra, ma questa volta con inchiostro rosso. Ungere la
candela rossa con olio come e incidere i nomi nei due lati della
stessa, dicendo:

"Spirito d’amore, in nome
di questa donna/uomo ( qui dovete dire il vostro nome e cognome) e 
questo uomo/donna (ora dire il nome e cognome dell’amato o amata).
Come è stato fatto a questa candela, possa essere fatto per i nostri 
corpi" .

Se sei una donna, ungi la candela con il sangue mestruale o fluidi sessuali, se sei un uomo ungila con lo sperma, dicendo:

"[Nome dell'amato], amami come io amo te. Desiderami come io desidero te. Vieni a me come io vengo a te. Con il nettare del mio corpo,possa tu essere mio come io sono tua".

Accendere la candela e dire questa preghiera:

"Spirito
dell’amore passionale ! io brucio questa candela in nome dell’ amore
appassionato. Che io possa essere amata/o da [nomedell'amato/a] come 
io amo [lui/lei] e che [nome dell'amato/a] brucierà d’amore per me come
io brucio per lui/lei. Lasciate che i nostri corpi siano uno. Amen. "

 

Il giorno 8, di nuovo bruciare la candela rossa al tramonto, e dire 

"Spirito
dell’amore passionale ! io brucio questa candela in nome dell’ amore
appassionato. Che io possa essere amata/o da [nomedell'amato/a] come 
io amo [lui/lei] e che [nome dell'amato/a] brucierà d’amore per me come
io brucio per lui/lei. Lasciate che i nostri corpi siano uno. Amen. "

. Bruciare fino a quando la candela non sarà bruciata per i suoi 2/3..

 

Il giorno 9  accendere di nuovo la candela tramonto e recitare la preghiera:

"Spirito
dell’amore passionale ! io brucio questa candela in nome dell’ amore
appassionato. Che io possa essere amata/o da [nomedell'amato/a] come 
io amo [lui/lei] e che [nome dell'amato/a] brucierà d’amore per me come
io brucio per lui/lei. Lasciate che i nostri corpi siano uno. Amen. "

 Lasciarla bruciare fino a quando non si spegne insieme al foglietto con i vostri nomi scritti.

  Fate di nuovo il bagno in acqua pura a cui avrete aggiunto 3 gocce di olio. Versare l’acqua sopra la testa 9 volte e dire

"Spirito d’amore, ho fatto questo lavoro per amore e solo per amore,
che io possa essere amato da [nome] come io amo [lui/lei].  Che il mio
amore sia mio! Amen! "

Mettere da parte una bacinella di acqua del vostro bagno.

 

La mattina dopo,dovrete gettare l’acqua che avrete conservato del bagno
nella soglia della porta di casa dell’amato/a oppure nella strada dove
siete sicuri che lei o lui passi.

 

Per sbarazzarsi della fattura: prendete i rimasugli della cera della
candela li metterete in un panno rosso che chiuderete con del filo e poi
li seppellirete nel giardino.

RITUALE PER MABON. TRATTO DAL LIBRO DI SCOTT CUNNINGHAM “WICCA” (Princess)


Decorate il vostro altare con  ramoscelli di quercia, pigne,
pannocchie, spighe di grano o frumento ed altri frutti di stagione come
ad esempio le noci. Non è necessario mettiate tutti questi lementi,
basta che ne inseriate alcuni per decorare il vostro altare in tema
autunnale. Inoltre dovrete posizionare sul vostro altarino un cestino
pieno di foglie secche di ogni tipo e colore.Cccendere le candele e
l’incenso e create il cerchio magico.

Recitate il canto di benedizione:

Possano i poteri dell’Uno,

La fonte di tutto il creato,

Onnipresente, onnipotente, eterno;

Possa la Dea,

La Signora della Luna,

Ed il Dio, Cacciatore Cornuto del Sole;

Possano i Poteri degli Spiriti delle Pietre,

Sovrani dei Regni Elementali;

Possano i poteri delle Stelle sopra e della Terra sotto,

E me che sono con Voi!


Invocate la Dea

Dea Misericordiosa,

Tu che sei regina degli Dei,

Luce della Notte,

Creatrice di tutte le cose selvagge e libere;

Madre delle donne e degli uomini;

Amante del Dio Cornuto e protettrice di tutti i Wiccan:

Discendi, Ti Prego!

Con il tuo raggio di Potere Lunare

Qui nel mio Cerchio!

Invocate il Dio:

Dio Luminoso

Tu che sei Re degli Dei,

Signore del Sole,

Sovrano di tutte le cose selvagge e libere

Padre delle donne e degli uomini;

Amante della Dea della Luna e protettore di tutti i Wiccan:

Discendi, Ti Prego! Con il tuo raggio di Potere Solare

Qui nel mio Cerchio!

Adesso
mettetevi in piedi di fronte all’altare, prendete il cesto con le
foglie fra le mani e sollevatelo adesso spargete le foglie facendo in
modo che cadano nel pavimento, all’interno del vostro cerchio.

Pronunciate queste parole o qualcosa di simile:

Cadono le foglie,

I giorni si raffreddano.

La Dea si ricopre del Suo nantello di Terra,

Mentre Tu, o Grande Dio del Sole, navighi verso Occidente

Verso le Terre dell’eterno incanto,

Avvolto dal freddo della notte.

I frutti maturano,

I semi cadono,

Le ore del giorno comparano quelle della notte.

Venti gelidi soffiano dal Nord il loro canto funebre.

In questa apparente estinzione dei poteri della Natura,

Oh Dea Benedetta, io so che la vita continua.

Perchè non c’è Primavera senza raccolto,

Così come non c’è vita senza morte.

Che tu sia benedetto, o Dio Caduto,

Mentre viaggi nelle terre dell’Inverno,

E fra le braccia amorevoli della Dea.

Adesso tornate ad appoggiare il cestino sull’altare e dite queste paole.

O Dea misericordiosa della fertilità,

Ho seminato e raccolto i semi delle mie azioni,

Buone e Cattive.

Dammi il coraggio di piantare semi di gioia ed amore

Nell’anno che verrà, scacciando la miseria e l’odio.

Insegnami i segreti

Di un’esistenza saggia su questo pianeta,

O luminosa Signora della notte!

A
questo punto se lo riterrete necessario potrete svolgere  lavori di
magia. Dopo che terminerete di operare magicanente si praticherà la fase
conclusiva.

Finito di celebrare il rito celebrate il Piccolo Banchetto:

Sollevate
al cielo la coppa con del vino all’interno o un altro liquido( in
questo caso è bene il latte o vini speziati) con entrambe le mani e
dite:

Oh Dea dell’abbondanza e di misericordia,

Benedici questo vino ed infondilo del tuo amore.

In vostro nome,

Dea Madre e Dio Padre,

Io benedico questo vino!

Adesso
sollevate al cielo un piatto di dolci ( pane, biscotti volendo li
potreste confezionare voi per l’occasione ricordando che Imbolc è la
festa di prodotti caseari percio dolci a base di latte o panna sono
graditi)con entrambre le mani:

Oh potente Dio del raccolto,

Benedici questi dolci ed infondili del tuo amore.

In vostro nome,

Dea madre e Dio Padre,

Io benedico questi dolci ( o questo pane)!

Adesso potete concedare il vostro cerchio :

Addio spirito del Nord,

Io ti ringrazio per essere stato qui presente.Ritorna a potere.

Addio spirito dell’Est,

Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.

Addio spirito del  Sud,

Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.

Addio spirito dell’Ovest,

Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.

Blessed Be )O( Princess <3

Mabon, festa del raccolto o equinozio d’autunno…(by Fata Morgana)




Mabon (19 – 21 Settembre) Mabon è la seconda delle feste del raccolto, anche chiamato Equinozio d’Autunno.
E’ un tempo d’equilibrio, la notte e il giorno sono ugualmente
suddivisi, ma la luce sta iniziando a diminuire a favore dell’oscurità.
L’equinozio d’autunno, il 21 Settembre, è il momento della discesa
della Dea nel mondo del sotterraneo. Con il suo allontanamento,
vediamo il declino della natura e l’arrivo dell’inverno. Tra l’altro è
un mito classico, antico, visto nella storia greca con Cerere e
Proserpina e in quella sumera di Inanna. In Settembre, dobbiamo anche
dare il nostro saluto al Dio del Raccolto. Egli è L’Homme Vert, visto
come il ciclo della natura nel regno dei boschi. Egli è il raccolto ed
i suoi semi sono piantati nella terra in maniera tale che la vita
possa continuare ed essere sempre più copiosa. Il simbolismo di questo
Sabbat è legato ai Misteri, all’Equilibrio, al momento in cui la notte e
il giorno sono uguali. Alcuni simboli di Mabon sono l’uva, il vino,
le ghirlande, le pigne, il granturco, le foglie secche, le ruote del
sole ed il melograno.

Mabon è il momento per celebrare le
divinità antiche e gli spiriti del mondo. Ciò che bisogna fare per
questa festa è ringraziare, infatti alcune delle attività pagane da
prendere in considerazione sono quelle di fare il vino e celebrare i
defunti, e soprattutto è il momento giusto per fermarsi, rilassarsi e
meditare in pieno appagamento. Anche se non coltiviamo la terra e non
ci guadagniamo da vivere come i nostri antenati, ciò non vuol dire che
non mettiamo impegno in ciò che facciamo.

Ma chi è MABON?
Mabon ( che significa letteralmente “Figlio Grande” quindi Figlio
maggiore
) è un Dio gallese. Era un grande cacciatore con agile cavallo
e uno splendido cane da caccia. Probabilmente è la mitologizzazione
di un grande condottiero del tempo. Fu rapito dalla madre, Modron
(guarda caso significa Grande Madre…chissà come mai…), quando aveva
solo tre giorni, ma fu salvato,nei miti gallesi, da Re Artù (mentre
altre leggende vociferano di un gufo, un’aquila ed un salmone). Però
durante questo tempo, Mabon ha vissuto, prigioniero felice, nel mondo
magico di Modron… il suo grembo! Solo in questa maniera poteva (e può)
rinascere. La luce di Mabon è stata portata nel mondo, raccogliendo
la forza e la saggezza, in maniera da trasformarsi in un nuova speme,
più ricca di atavica saggezza. In questo senso, Mabon è la
controparte maschile di Proserpina, il principio maschile
fertilizzante. Modron corrisponde a Demetra ma anche a Plutone, quindi
anche occultatrice. Dall’equinozio autunnale, la forza del sole inizia
a diminuire, fino al solstizio invernale, quando il sole inizia a
crescere d’intensità e i giorni diventano nuovamente più lunghi delle
notti.

I wiccan celebrano la Dea anziana mentre passa da Madre a
Saggia e il suo consorte, il Dio, che si prepara al passaggio da saggio
di Lugh (la festa precedente) alla morte e quindi alla rinascita.
L’enfasi va sul messaggio di rinascita che può essere ritrovato nei
semi del raccolto. I simboli che celebrano la stagione includono vari
tipi di meloni e zucche. Gli steli possono essere legati assieme per
simbolizzare il Dio del raccolto e quindi essere messi in un cerchio di
zucchette. Una scopa può essere costruita per simbolizzare la polarità
di maschile e femminile.

Il Dio del raccolto è spesso
rappresentato in icona di uomo di paglia o fieno, il cui corpo
sacrificale è bruciato e le cui ceneri sono riversate sulla terra. La
Dea del raccolto, è fatta dall’ultimo fascio del raccolto, vestita con
un abito bianco decorato con nastrini colorati che simbolizzano la
primavera, e quindi appesa ad un palo (un simbolo fallico della
fertilità). Se possibile celebrate Mabon in compagnia, organizzate
una grande cena. Lasciate che ognuno porti un piatto cucinato e fate
una cena della fortuna. Prima di mangiare, fate passare un piccolo
calderone vicino al tavolo. Quando ognuno lo terrà in mano dovrà dire
qualche parola di ringraziamento per l’anno andato e di benedizione per
l’anno che verrà (il calderone è simbolico del grembo della madre.)

Corrispondenze

Luna Luna di Granturco, Luna dei semi, Luna dei venti.

Simboli Un cesto di foglie cadute, Pigne, La ruota dell’anno, Vino, Lupi, Zucche e Cornucopie

Divinità Le Dee del raccolto, Persefone, Thor, Mabon, L’uomo silvestre (Homme Vert)

Colori Marrone, Arancione, Oro, Bordeux

Cibi tradizionali Frutta autunnale, Granturco, Vini, Sidro, Radici (carote, patate, cipolle)

Erbe Cedro,
nocciolo, edera, granturco, pioppo, ghiande, cipresso, pigne,
achillea, calendula, salvia, camomilla, foglie di mandorlo, frutto
della passione, incenso, girasole, grano, mele secche.

Alberi Meli, noccioli

Lama dei tarocchi L’eremita, arcano maggiore nove

Incenso Mirra,
salvia, pino. Potete anche mischiare calendula, frutto della passione e
la felce con la mirra o l’incenso per un incenso di Mabon.

Cristalli Ametista, Topazio, Corniole, Zaffiri, Ambra, Cristallo di Rocca, Peridoto, Avventurina.

Intento di Mabon: Mabon
è considerato tempo dei misteri. E’ il momento di onorare le divinità
anziane e lo Spirito, affinché sia pronto per l’avvento di Samhain
(festa successiva). E’ considerato un periodo d’equilibrio, come già
accennato sopra, fermarsi, rilassarsi, meditare e ringraziare per i
frutti del nostro lavoro e sudore. E’ un periodo per porre fine ai
vecchi progetti mentre ci prepariamo al riposo, rilassamento e
riflessione. Il lavoro magico dovrebbe essere di protezione,
prosperità, sicurezza e fiducia in se stessi
. </span>

Attività per Mabon

 Mettete delle ceste con della frutta fresca per amici e per la famiglia

Fate dei piccoli biberon per uccelli. Prendete delle pigne e rotolatele nel miele, quindi nei semini di cui si cibano.

Riempite una scodella con della frutta e lasciatela come offerta agli Dei

Fate una cena della fortuna

Riempite un cesto con delle pigne, foglie secche colorate, grano, spighe e rami di pino caduti e lasciatelo vicino alla porta

Andate in un campo di alberi di mele e se potete raccoglietene una dall’albero.

Appendete spighe sulla porta, sulle finestre

Servite
una tipica cena di Mabon con del buon vino dal Dio e dei fagioli e
verdura dalla Dea. Ideale anche una zuppa con carote, cipolle, patate,
radicchio e granturco che combinano le energie del Dio e della Dea.

Fate del vino speziato magari

Preparate delle mele, levando il torsolo e riempendole di crema pasticciera. Da mangiare con una persona speciale.

Raccogliete delle foglie secche coloratissime, per farne dei centrotavola.

E’
un buon momento per camminare nei boschi, prendendo erbe secche per
usarle sull’altare come decorazione o per le vostre tisane.

Cambiate le scope di casa.

Chiamate
gli elementi e ringraziateli per : Terra/casa e finanze, Aria/scuola e
conoscenze, Fuoco/carriera e successi, Acqua/emozioni e relazioni.

Telefonate agli amici veri e ringraziateli per averli nella vostra vita

Lasciate una mela in giardino in ricordo di una persona cara scomparsa.

Fate un incanto di protezione legando dei rami di nocciolo con del filo rosso.

Passate per il vostro giardino e toccate tutti i fiori.

Bevete del vino rosso, magari riscaldato sul camino.

Appendete una mela con un filo al soffitto e giocate a morderla con il vostro amore.

Parlate ai bambini del vicinato, sorridete e salutateli quando li incrociate

Fate un mandala di semi e grano per terra, un’offerta per i doni della Madre agli animaletti del giardino o del bosco

Fate una collana di cannella

Cucinate al forno delle mele senza torsolo e riempite con burro e cannella o marmellata di cedro.

Comprate un bel collare nuovo al vostro cucciolo.

Onorate gli uccellini e i piccoli animali che vivono vicini alla vostra casa, lasciandogli dei semi e del cibo.

Mettete un pò a posto la casa, mettendo spighe in ogni vaso

Fate delle ghirlande con le viti, ammorbidendole in acqua calda.

Questo è il giorno del vostro ringraziamento alla vita.

Offrite libagioni agli alberi (va bene anche il tabacco come offerta)

Rilassatevi, guardate un film, iniziate un nuovo libro, non pensate al lavoro.

Tagliate una mela a metà in maniera che possiate vedere il pentacolo. Questo è un modo per ricordarsi della vita che rinasce.

Raccogliete rami di salici e fatene bacchette, è un’antica usanza druidica.

RICETTE DI MABON

Nocciolotti glassati

3 Uova 2 Tuorli d’uovo 100 gr zucchero 100 gr farina 250 gr Crema di latte 120 gr Nutella

 Per La Glassa: 200 gr Zucchero a velo 1 Albume 1 cucchiaio di granella di nocciole 3 Cucchiai cacao 2 Gocce cognac

Preparate
l’impasto della pasta biscotto mescolando uova, tuorli, zucchero,
farina e infornate a 180 gradi per 15 minuti. Dividete in due parti
uguali il rettangolo ottenuto. Mescolate la crema con la Nutella,
spalmate su una metà del pan biscotto la crema ottenuta e coprite con
quella che resta. Tagliate con un coltello ricavando dei quadratini che
ricoprirete con una glassa preparata con gli ingredienti di cui sopra.

Nutella casereccia

 60 g di nocciole tostate 100 g di cioccolato fondente 100 g di zucchero 70 g di burro 70 g di latte

Frullate
le nocciole con lo zucchero fino ad ottenere una polvere fine,
aggiungete poi il cioccolato a piccoli pezzi e frullate ancora per 10
secondi. Cuocete a bagnomaria per una decina di minuti (non deve
bollire) con l’aggiunta del burro e del latte mescolando continuamente.
Quando si è formata una bella crema, rovesciatela subito nei vasetti.
Si conserva in frigorifero per una decina di giorni ed è buonissima
per farcire le torte o per una merenda genuina per i bambini. Non
dimenticate di mettere l’etichetta!

Focaccia del sottobosco

500
gr. di impasto per pizza 500 gr. di funghi misti con porcini 200 gr
taleggio a cubetti 50 grammi salame felino burro sale, pepe.

Pulite
e affettate finemente i funghi e fateli saltare in padella con poco
burro, un pizzico di sale e uno di pepe. Stendete l’impasto per pizza e
ricavate un disco non troppo sottile; appoggiatelo sopra una teglia
oliata e farcite la metà con i funghi, il taleggio, il salame e il
prezzemolo tritato. Chiudete il disco piegandolo su se stesso e
premendo bene i bordi. Mettete in forno a 200 C per circa 15 minuti fino
a quando la pasta non sara’ ben croccante e dorata.

Ho
inserito solo alcune delle ricette mensionate da fata morgana. se siete
interessati potete trovare l’intero post nel nostro forum nella
sezione  WICCA – CURIOSITà SULLA WICCA – RUOTA DELL’ANNO.

RITUALE CON UNA CANDELA BIANCA PER PROPIZIARE UN VOSTRO DESIDERIO O DI UNA PERSONA A VOI CARA


http://t1.gstatic.com/images?q=tbn:vDx5kVzYqW0xGM:http://img137.imageshack.us/img137/2641/candelarosabluwh7tb3.gif&t=1

Questo rituale serve per proteggere una persona in un determinato campo che può essere lavorativo, sentimentile oppure anche in  modo generico. Se vedete che  che nella vostra vita c’è qualcosa che non va ( oin quella di chi vi sta a cuore)  … questo rituale fa al caso vostro. Ciò che vi servirà è una candela di colore bianco preferibilmente un cero bello lungo che possa almeno durare sette giorni tempo in cui la candela dovrà consumarsi. Se non avete un cero va benissimo anche una semplice candela bianca solo che giustamente dovrete metterne una nuova quando questa si consumerà. Ricordatevi che per questo tipo di rituale la candela dovrà ardere almeno per un quarto d’oro al giorno poi la potrete spegnere non soffiandoci sopra ma con uno spegni moccolo o con le dita inumidite. Questo rituale alcune persone lo fanno durare anche piu di una settimana cioè 14 giorni. Molto dipende da ciò che richiedete e soprattutto se non vedete i primi cenni d’esisto potete prolungare il rito di una settimana.
Detto ciò per svolgere questo rituale l’occorrente sarà:

  • 1 candela di colore bianco ( se avete la sette dias ovvero il cero basta solo quello se invece nonavete quello serviranno 7 candele bianche una al giorno )
  • dell’olio d’oliva ( possibilmente benedetto)
  • 1 piattino
  • un foglietto di carta
  • dei testimoni ( foto vostra o della persona per cui fate questo rituale, una ciocca di capelli.. insomma un qualsiasi cosa purchèa ppartenga alla persona o a voi qualora decideste di fare il rito per voi stessi).

Prendete un piattino e capovolgetelo. Sopra di esso dovrete attaccare la candela che avrete inciso con uno spillo vergine scrivendo il nome e cognome della persona che sta facendo il rito o per cui volete fare il rito e infine ungetela di olio benedetto. Adesso, sotto il piattino mettete i testimoni (ovvero capelli o una foto o cio che avete) e il foglietto dove avrete scritto la vostra richiesta ( ad esempio trovare l’amore giusto, trovare un buon lavoro, trovare la pace in famiglia, fare una vincita, liberarvi dalla cattiva sorte.. insomma ciò che più vi preme). Logicamente se accenderete una candela al giorno dovrete sempre stare ad incidere il nome e a rivestire la candela di olio ogni volta che la accenderete. Mentre con la sette dias o cero la farete consumare per un po poi la spegnerete… anche se ogni tanto la dovrete ritornare ad ungere con olio almeno dove sta la fiamma perchè giustamente bruciando se ne andrà  via con il calore quindi, la parte superiore diciamo che va unta quotidianamente.
Detto ciò una volta che avrete fatto tutti questi passaggi, dovrete recitare questa frase mentre l’accendete:

<< [Nome], possa tu essere benedetto
Che tutte le cose buone giungano a te
Che nessuna negatività stia attorno a te
Che il tuo cuore si accenda;
Che i tuoi viaggi siano sicuri
Che la tua salute sia buona
Che la tua mente sia sana
Che le tue amicizie ti sostengano
Che tu sia benedetto in ogni modo >>



Lasciate ardere la candela per un po se avete la sette dias nel caso invece aveste una candela normale fatela bruciare tutta.

Buona fortuna per ogni vostro proggetto.
Princess ^_^

MAGIA DI BUON AUSPICIO PER LA SALUTE CON LE RUNE.


(la runa che dovrete disegnare è la prima che vedete in questa foto "URUZ")

Premetto che non sono molto favorevole all’abbinamento magia e salute,
però se questo viene visto come una sorta di buon auspicio, quindi come
portatore di positività in un momento critico, può accendere una
speranza e mettere in atto energia positiva. Non dimentichiamo mai che
la salute sta prima di tutto nelle mani dei medici, il resto viene dopo.
Ovviamente se vogliamo affidarci a qualsiasi divinità o inviare
pensieri positivi alla persona in difficoltà, questo non ci vieta
nessuno di farlo anzi… è sempre un qualcosa in più.

Il rituale che sto per descrivere lo troverete nel libro di Scott Cunningham " Wicca".
E’ tutto basato sul potere personale e la visualizzazione, quindi è bene
che vi esercitiate. I primi tempi non sarà molto facile, ci vuole
concentrazione ed allenamento costante per raggiungere dei risultati
modesti ma è sempre bene iniziare, nessuno ci vieta di rifarlo oppure di
continuare a caricare la runa con pensieri positivi.

In questo preciso caso si può disegnare, incidere, ricamare la runa
della guarigione. Ora dovrete prendere l’oggetto dove avrete disegnato
tale runa e sedetevi davanti ad esso osservandolo con molta
concentrazione. Mentre ci si concentra sulla runa immaginate la persona
malata guarita e sana. Dopo aver racimolato tutto il vostro potere
personale concentrandovi su questa visualizzazione cioè la persona che
sta bene ed è felice cercate di inviare questa immagine alla persona
stessa sottoforma di runa. In pratica dovrete immaginare la runa che si
unisce al corpo della persona malata e che lo sblocca attraverso una
luce meravigliosa che gli da serenità, sollievo e infine guarigione.
Magari potreste preparare un sacchettino con delle erbe piu la runa
disegnata. Potete incidere la runa in una pietra e regalarla alla
persona dopo che l’avrete caricata come vi ho detto sopra. Sembra facile
ma in realtà tutto sta nel potere personale e nella visualizzazione.
Potreste fallire le prime volte ma se vi allenate e concentrate e
desiderate ardentemente qualcosa con un po di costanza si puo riuscire
eccome.

RITUALE PER IL RITORNO DELL’AMATA O DELL’AMATO CON UNA CANDELA BIANCA!


 

E’ un rituale molto antico e serve per far ritornare da noi la persona amata. E’ valido sia per gli uomi che per le donne.

Vi occorrerà procurarvi una candela bianca, è importante che non sia
molto grande diciamo che deve essere un po piu grande di una candela da
compleanno.. e comunque nei negozi le nedono le candele di dimensioni
ridotte. Non compratela piccola perchè la dovrete incidere per scriverci
delle cose e soprattutto ricordate che dovrete stare davanti alla
candela fino a che nonsi consuma visulizzando l’amato e il suo ritorno.




Dovrete preparare un altare in cui metterete degli oggetti che sono
stati importanti per voi e per quella persona. Prendete una spina da un
cespuglio di rose bianche che utilizzerete per incidere nella candela la
seguente frase ” Amore mio torna da me” per 3 volte.


Mettete ora la candela al centro dell’altare e accendetela. Per tutto il
tempo che la candela brucerà dovrete visualizzare il vostro amato che
torna da voi in tutta la sua bellezza e nudita ( o meglio carnalità…
percui lo dovrete immaginare anche nudo mentre vi scambiate effusioni o
ci fate l’amore).


Quando la candela avrà finito di bruciare raccogliete i residui di cera
ed avvolgeteli insieme ai ricordi che avrete posizionato sull’altare in
un luogo sicuro al riparo da occhi indiscreti.




Ricordate che questo rituale non è coercitivo quindi la persona vi
dimostrerà esattamente tutto l’amore che prova per voi, ma non è detto
che ve lo dimostri come voi vi aspetatte perciò dovrete accontentarvi di
cio ke egli vi puo offrire.




Se percaso un giorno decideste di non volerlo più al vostro fianco
allora vi dovrete sbarazzare della cera gettandola in acqua corrente o
semplicemente sotterrandola o bruciandola nel fuoco.

BAGNO FRANGI SORTE INDICATO PER CHI SI SENTE PERSEGUITATO DALLA SFORTUNA.


http://princessesmy.files.wordpress.com/2010/09/bagno.jpg?w=300

Questo semplice rituale effettuato sempre con l’ausilio del potere delle
candele, è indicato nelle operazioni di esorcismo, ma anche se si è
colpiti da "strana sfortuna", ma NON viene indicato nel caso di
malocchio.

Occorrente:
- 3 candele magenta
- 9 foglie di alloro
- succo di un limone
- una manciata di sale marino

Riempire la vasca da bagno di acqua calda, aggiungervi il succo di limone, le foglie di alloro e il sale.
Accendere le candele e posizionarle intorno alla vasca.
la persona colpita dalla malasorte dovrà immergersi nella vasca per
almeno 30 minuti, ripetendo una volta al minuto (quindi 30 volte) la
formula che segue:

" Tutto il mio corpo io purifico,
e in questo istante io mi libero.
Infrango e spezzo la malasorte,
seduta stante in questa mistura!"


Scegliete o fabbricate candele piccole in questo caso, così avrete l’opportunità di farle consumare tutte entro i trenta minuti.

COSA FARE QUANDO PER MOTIVI DI PRIVACY NON POSSIAMO FAR BRUCIARE LE CANDELE DI UN DETERMINATO RITO IN UN’UNICA SESSIONE DI TEMPO.


http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:Iq-zP-NPiSn69M:http://img708.imageshack.us/img708/9320/candela.jpg&t=1

Molte di voi mi hanno chiesto varie info per quanto concerne le candele e
le novene. Alcune mi facevano presente che per varie ragioni veniva
loro impossibile bruciare la candela in un’unica sezione di tempo.
Purtroppo in ogni tipo di lavoro magico la privacy è uno degli elementi
fondamentali. Quando si opera e abbiamo ficcanaso intorno c’è sempre il
rischio che il rituale possa non andare a buon fine. Giustamente chi
vive in casa con altre persone che possono essere figli, mariti, mogli,
genitori o coinquilini/e si trova a disagio e magari deve rinunciare ad
operare per paura di essere scoperto.
Perciò rovistando qua e la ho scoperto che per quanto concerne gli
incantesimi che richiedono di far consumare tutta la candela (esempio:
novene o magie con le candele di ogni tipo) queste si possono far
bruciare in sezioni. Ma cosa significa??? adesso vi spiego meglio. La
candela quando si fa un incantesimo in teoria dovrebbe consumarsi tutta e
quindi spegnersi da se. In questo caso a noi non è possibile perchè non
siamo soli in casa tutto il giorno allora che si fa? Si accende la
candela e la si la lascia consumare per almeno 15 minuti ( non di meno)
dopo di che, finito questo tempo andremo a spegnerla utilizzandole
nostre dita ( pollice ed indice) avendo cura di bagnarli con acqua o con
saliva … come preferite. L’importante è che non ci soffiate sopra.
Uno spegni moccolo va bene lo stesso. Questo perchè??? se noi andassimo a
soffiare sopra la candela spezzeremo l’incantesimo al contrario invece
se noi andremo a spegnere la candela con le dita, il nostro lavoro è
ancora attivo e quindi lo possiamo riprendere in qualsiasi momento.
In ogni caso si consiglia di avvolgere la candela in carta marrone (
quella grezza in cui il fruttivendolo mette la frutta in quanto pura)
in questo modo non si disperderanno le energie.

Buon lavoro!!! Princess

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.027 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: